Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Mediaset pronta a portare sul canale 66 del digitale terrestre una sua radio
 

www.fanzine.net
 Interviste
•20/01 - Mario Iob: cantare e scrivere la salvezza e il dolore
•12/01 - Isabella Benaglia ci racconta i Thegiornalisti
•24/12 - Akroterion, ai confini delle tenebre.. partendo dallo storico black metal scandinavo
(altre »)
 
 Recensioni
•21/01 - Minotauro Apocalyptic Sense (7Hard) – Heavy Metal frontaliero…
•19/01 - Ananda Mida - Cathodnatius - il progressive che guarda al passato
•19/01 - Jack Maniak Code 403 (Jst Records) – Tastiere grondanti di note a cascata…
(altre »)
 
 Comunicati
•19/01 - Il 24 Gennaio la pianista Cettina Donato in concerto all'Alexander Platz Jazz Club di Roma
•18/01 - Ora o mai più, torna su Rai 1 la gara tra vecchie glorie della canzone
•18/01 - Flashdance il Musical, dal 5 al 10 febbraio a Roma
(altre »)
 
 Rumours
•19/01 - Pubblicato il primo singolo di Roberto Zampaglione dal titolo Che Mi Separa da Te feat Lastanzadigreta.
•18/01 - I Negrita in uscita con la raccolta I Ragazzi Stanno Bene
•18/01 - 44 Gatti, esce la colonna sonora della serie animata
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 14/10/2018 alle 10:04:47
Stefano Lentini - Fury (Collora records) - il simbolo della musica contaminata del futuro
di Silvio Mancinelli
Gli ultimi anni della musica hanno un comune denominatore: l'assenza di barriere musicali di genere. Anche in Italia c'è che si cimenta nel portare il “classico” nel mondo del rock.

Gli ultimi anni della musica hanno un comune denominatore: l'assenza di barriere musicali di genere. Anche in Italia c'è che si cimenta nel portare il “classico” nel mondo del rock.

Esempio lampante di quello che sto dicendo è sicuramente Stefano Lentini con il suo “Fury”. Il compositore romano è noto per le sue collaborazioni con registi come Wong Kar – Wai, Giacomo Campiotti e Carmine Elia, e con questo nuovo album, che uscirà il prossimo novembre, cerca di far vivere in maniera alternativa la musica classica.

Un lavoro di gran fattura per un disco che, nella cover, si presenta vagamente rock, ma nella divisione dei brani è essenzialmente classico. La sintesi del disco la fa lo stesso autore con questa frase: “Io mescolo le carte, vivo con lo stesso spirito l'heavy metal e la musica sinfonica”.

Tranne “ Les fleurs du mal”, “Fury” è un lavoro strumentale nel quale magari uno strumento a fiato sostituisce l'asolo di chitarra elettrica in un brano classico progressivo (“Fury”), ed è un disco che non va confuso con il genere di neo classici svedesi o statunitensi nel quale il piano rimane ancorato ad un determinato genere. Per certi verso è un disco psichedelico alla Pink Floyd. Allevi dovrebbe imparare da lui.

La tracklist

1) r73
2) Suite after the furies
3) Les fleurs du mal
4) Unaided eye
5) Fury
6) You must respect the sea
7) Adagio
8) Ouverture II
9) Introitus
10) Shon on, darkness
11) Stabat Mater- concert for violin and string orchestra
12) White fish black fish






 Articolo letto 1446 volte


Pagina stampabile