Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Mediaset pronta a portare sul canale 66 del digitale terrestre una sua radio
 

www.fanzine.net
 Interviste
•20/01 - Mario Iob: cantare e scrivere la salvezza e il dolore
•12/01 - Isabella Benaglia ci racconta i Thegiornalisti
•24/12 - Akroterion, ai confini delle tenebre.. partendo dallo storico black metal scandinavo
(altre »)
 
 Recensioni
•21/01 - Minotauro Apocalyptic Sense (7Hard) – Heavy Metal frontaliero…
•19/01 - Ananda Mida - Cathodnatius - il progressive che guarda al passato
•19/01 - Jack Maniak Code 403 (Jst Records) – Tastiere grondanti di note a cascata…
(altre »)
 
 Comunicati
•19/01 - Il 24 Gennaio la pianista Cettina Donato in concerto all'Alexander Platz Jazz Club di Roma
•18/01 - Ora o mai più, torna su Rai 1 la gara tra vecchie glorie della canzone
•18/01 - Flashdance il Musical, dal 5 al 10 febbraio a Roma
(altre »)
 
 Rumours
•19/01 - Pubblicato il primo singolo di Roberto Zampaglione dal titolo Che Mi Separa da Te feat Lastanzadigreta.
•18/01 - I Negrita in uscita con la raccolta I Ragazzi Stanno Bene
•18/01 - 44 Gatti, esce la colonna sonora della serie animata
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 22/10/2018 alle 14:50:59
Nicola Setti - Arto (La Barberia Records / Vaccino Dischi) anticipato dal videoclip di Andrea Ronzoni sul brano Mi Mancavi..
di Paolo Polidoro
Indie-pop di matrice digitale. Nicola Setti pubblica Arto, un contenitore di 4 anni di scritture in forma canzone, ben 10 inediti che si aprono con la bellezza di Stanza e si chiudono con la semplicita' di Legno ..

Indie-pop di matrice digitale. Nicola Setti pubblica Arto, un contenitore di 4 anni di scritture in forma canzone, ben 10 inediti che si aprono con la bellezza di Stanza e si chiudono con la semplicita' di Legno ..

Sono due brani che agli antipodi si richiamano a vicenda come a voler chiudere un cerchio concettuale. Consigliato ai fans italiani dei R.E.M. ..

Indie-pop di matrice digitale in cui la leggerezza della parola, complice anche un timbro sottile e ben educato, forte di un dizionario per niente complesso ma neanche smodatamente e banalmente popolare, unito al piglio appunto digitale e di un suono reale che si mescolano assieme confondendo anche i confini dell’uno e dell’altra cosa, realizzano un disco piacevole, ricco di ispirazione e comodamente poggiato in una terra di nessuno dove difficilmente si recuperano immagini e significati concreti che siano propri di ognuno di noi.

Un disco che narra di vita ma anche di luoghi e di impressioni, narra di emozioni e non cede volentieri il passo a smaccate soluzioni comode, sono le storie che, come dice Setti, cambiano un poco ogni volta che le racconti, e se “Iowa” o “Presente” ha di quel brit-rock un poco alla Appino come quel “te” dal suono aperto quasi smielato, se “Wisconsin” sembri richiamare quel viaggio elettrico alla R.E.M., allora brani come “Woods” o “Orizzonte” sono forti richiami, e solo quelli sia chiaro, al nostro tradizionale modo di concepire il pop italiano.

Setti ci regala un bel disco che certamente non rivoluziona niente, anzi piuttosto si dichiara fedele alla linea anche con qualche momento un po’ troppo ingenuo come nella semplicità dichiarata del duetto di Barbecue, un ascolto di questa nuova musica d’autore italiana, un buon disco.






 Articolo letto 1252 volte


Pagina stampabile