Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Dal 1 Gennaio 2019 sul digitale arriva la Tv Svizzera di Lingua Italiana
 

www.fanzine.net
 Interviste
•15/12 - Musica e parole, vedrai che ci salveranno: incontriamo Gioacchino Cottone dei Jack & The Starlighters ..
•10/12 - Anema, il cuore mediterraneo del Rock Progressivo.
•03/12 - Opera Oscura: romanticismo (metal) progressivo.
(altre »)
 
 Recensioni
•15/12 - Gianni Maroccolo - Alone vol.1 (Contempo records) la ricerca di nuovi linguaggi musicali
•14/12 - Isabella Benaglia - Thegiornalisti – Roma, Riccione, Pamplona e altri lidi (Arcana)
•14/12 - DOS Duo Onirico Sonoro – Jouer Et Danser (Filabusta)
(altre »)
 
 Comunicati
•16/12 - XXII Music Day Roma il 16 dicembre con Djivas, Dell'Orso, Pipitone e Kutso
•15/12 - Io vado a Genova, artisti uniti per la città di Genova
•15/12 - Martina Attili, pronto l'EP di debutto della rivelazione di X Factor 2018
(altre »)
 
 Rumours
•16/12 - Laura Pausini, oltre 25 mila fan a Milano
•16/12 - Il posto giusto di Ghita Casadei il 16 dicembre al Teatro Parioli
•15/12 - Stella Giorgi è Sopra una nuvola
(altre »)
Rumours
Pubblicato il 29/11/2018 alle 18:14:09
Addio a Bruno Cagli, musicologo e presidente onorario di Santa Cecilia
di Alessandro Sgritta
Scompare a 81 anni Bruno Cagli, critico musicale, musicologo e saggista, attuale presidente onorario dell'Accademia nazionale di Santa Cecilia di Roma, ex direttore artistico della Fondazione Rossini, del Teatro dell'Opera e della Filarmonica romana.

A ottantuno anni è scomparso oggi Bruno Cagli (nella foto), attuale Presidente Onorario e già Presidente dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia dal 1990 al 1999 e poi nuovamente dal 2003 al 2015. Un lungo incarico alla guida dell’Istituzione che il musicologo ha portato avanti per 21 anni, secondo solo al Conte di San Martino che fu a capo dell’Accademia per 52 anni. Cagli ha traghettato l’Accademia verso riconoscimenti internazionali grazie anche a scelte che hanno operato profondi cambiamenti.

Infaticabile promotore di progetti culturali, attivo sulla scena italiana come musicologo e critico, nonché come autore di testi e sceneggiature teatrali e radiofoniche, Bruno Cagli ha insegnato all’Università di Urbino e di Napoli e negli anni ’70 ha legato il suo nome alla Fondazione Rossini di Pesaro di cui è stato Direttore artistico dal 1971 al 2010. Sono anni in cui gli incarichi artistici si susseguono a ritmo incalzante: all’Accademia Filarmonica romana (dal 1978 al 1981 e dal 1986 al 1988), al Teatro dell’Opera di Roma (1987-1990), al Festival Verdi di Parma (1999-2001), al ROF nel 1981, fino ad approdare nel 1990 alla guida dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia. Tra le iniziative che hanno visto il suo impegno ci sono numerosi Festival, come il Festival Barocco di Viterbo e il Festival verdiano di Parma, in occasione delle celebrazioni del centenario della morte di Giuseppe Verdi. Autore di numerosi testi pubblicati su riviste specializzate e rappresentati a teatro, Cagli ha scritto quattro libretti d'opera, e nel 2014 con l’editore Bulzoni ha pubblicato il volume "Teatro", che raccoglie una selezione della vasta produzione di Cagli per il teatro di prosa. La sua professionalità si è espressa anche per la radio, la televisione e il cinema dove ha lavorato come sceneggiatore e autore nel film "Rossini, Rossini" di Mario Monicelli. Nel 1981, ha vinto il Prix Italia con il melodramma radiofonico Una vendetta in musica, del quale ha scritto testo e musica.
Oltre che dell'Accademia di Santa Cecilia Bruno Cagli è stato membro dell’Arcadia, dell’Accademia di San Luca, dell’Istituto di Studi Romani, dell’Accademia Filarmonica Romana, dell’Accademia Raffaello di Urbino. È stato insignito della medaglia d'oro per i benemeriti della cultura e dell’onorificenza di Cavaliere di Gran Croce della Repubblica Italiana.

Michele dall’Ongaro, Presidente –Sovrintendente dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, ha dichiarato:

“Con Bruno Cagli se ne va una persona buona, giusta, di intelligenza rarissima. Dobbiamo a queste qualità la crescita e lo sviluppo di un’Istituzione fondamentale per la vita culturale e musicale come l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, e al suo senso critico, al suo acume analitico gran parte della riscoperta rossiniana di cui tutti oggi possono godere i frutti. Queste sono solo alcune delle qualità di questo illustre studioso, protagonista della nostra cultura, di questo scrittore e commediografo da riscoprire al quale la riconoscenza dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, dell’Orchestra, del Coro, di tutto il personale, e in particolare del sottoscritto, vanno senza remore. A ciò si aggiunga il saluto affettuoso di Antonio Pappano legato da antica amicizia e da un solido sodalizio artistico”.




 Articolo letto 283 volte


Pagina stampabile