Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Ai canali 45 e 55 del digitale terrestre della Sony interessate Mediaset, Viacom, Fox ed anche De Agostini
 

www.fanzine.net
 Interviste
•16/02 - Lora & The Stalkers: tra punk, rock'n roll e new wave
•31/01 - Irama a Sanremo per raccontare la violenza sulle donne
•28/01 - Tra numeri primi e robot rock indie: ecco Le Frequenze di Tesla ..
(altre »)
 
 Recensioni
•20/02 - Marte - Metropolis in my head (Libellula) un rock rampante tutto al femminile
•20/02 - Stanza singola: l’album di debutto da solista di Franco126
•20/02 - Gwyn Ashton Solo Elektro (autoproduzione) – Quando hai una chitarra in mano…
(altre »)
 
 Comunicati
•21/02 - XVII Premio Fabrizio De Andrè, ecco i finalisti
•21/02 - Alex Ricci degli Apres La Classe: esce con il suo nuovo singolo decisamente di pop soul elettronico
•21/02 - Queen, il 23 e 24 febbraio programmazione speciale su VH1
(altre »)
 
 Rumours
•21/02 - Mahmood sabato 23 febbraio a Gulp Music (Rai Gulp)
•21/02 - La parte mancante, esce il disco di inediti di Francesco Di Giacomo
•20/02 - Noemi canta Vanoni nella soundtrack di Domani è un altro giorno
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 12/12/2018 alle 14:17:47
Francess: Submerge (Sonic Factory)
di Paolo Polidoro
Dalla Sonic Factory mi arriva questo bellissimo disco di un pop raffinatissimo, di alta classe americana e direi che già dalla prima traccia che da il titolo all’opera

Dalla Sonic Factory mi arriva questo bellissimo disco di un pop raffinatissimo, di alta classe americana e direi che già dalla prima traccia che da il titolo all’opera si aprono scenari a cui sono molto affezionato, parliamo della cantante e cantautrice italo-giamaicana Francess che pubblica appunto per S.F. questo “Submerge”, noir e ricco di scenari alla L.A. già dalla copertina con la nostra che ci invita al silenzio.

Ed è con silenzio che metto in play questo digital pop disegnato ad arte dalla collaborazione tra Francess e gli autori Mauro Isetti e Egidio Perduca, tracce italiane, e di Provenza mi viene da pensare, nella italo-omerica “Follow me” in cui di nuovo si gioca a ping pong tra italiano e inglese e comunque ci arriva questa melodia molto romanzata, visionaria di tradizioni contadine in qualche modo, certamente l’aria di colori accesi da “tangheri” di piazza e quel sapore nostrano si confonde nel suono che anche in questo caso non tradisce la tecnologia.

Sono 9 inediti e tra questi troviamo una decima traccia, a chiusura disco, che è un omaggio a Gershwin, il disco paga dazi di cliché e di etichette famose più nello stile e nell’estetica che nella scrittura dove anzi trovo una personalità che cerca di imporsi con semplicità, forse manca ancora quel salto per definirsi indipendente da ogni gancio “famoso”, come ad esempio quando suona la sua “Evolution” ed è inevitabile pensare alla “Goodnight Moon” di Shivaree o come quel certo gusto melodico metropolitano di voce e piano in “Memory Lane” che inevitabilmente richiama tantissime cose come le più struggenti tessiture di Adele.

“Submerge” alla fine della fiera si rivela un bel disco per chi ama l’America di sfarzi digitali, dove si culla la scena internazionale del suono e dove tra R’n’B e pop il cocktail produce solo grandissima seduzione, ora a Francess il compito di fare il salto verso la libertà espressiva.






 Articolo letto 859 volte


Pagina stampabile