Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Ai canali 45 e 55 del digitale terrestre della Sony interessate Mediaset, Viacom, Fox ed anche De Agostini
 

www.fanzine.net
 Interviste
•16/02 - Lora & The Stalkers: tra punk, rock'n roll e new wave
•31/01 - Irama a Sanremo per raccontare la violenza sulle donne
•28/01 - Tra numeri primi e robot rock indie: ecco Le Frequenze di Tesla ..
(altre »)
 
 Recensioni
•20/02 - Marte - Metropolis in my head (Libellula) un rock rampante tutto al femminile
•20/02 - Stanza singola: l’album di debutto da solista di Franco126
•20/02 - Gwyn Ashton Solo Elektro (autoproduzione) – Quando hai una chitarra in mano…
(altre »)
 
 Comunicati
•21/02 - XVII Premio Fabrizio De Andrè, ecco i finalisti
•21/02 - Alex Ricci degli Apres La Classe: esce con il suo nuovo singolo decisamente di pop soul elettronico
•21/02 - Queen, il 23 e 24 febbraio programmazione speciale su VH1
(altre »)
 
 Rumours
•21/02 - Mahmood sabato 23 febbraio a Gulp Music (Rai Gulp)
•21/02 - La parte mancante, esce il disco di inediti di Francesco Di Giacomo
•20/02 - Noemi canta Vanoni nella soundtrack di Domani è un altro giorno
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 30/12/2018 alle 09:09:30
Pop Heart di Giorgia, un album senza cuore
di Giuseppe Panella
Incidere un album di cover e' oramai una consuetudine inevitabile nella carriera di un cantante. In maniera inattesa anche Giorgia non ha saputo resistere al fascino di incidere le canzoni che piu' ha nel suo cuore. Risultato altalenante!

Incidere un album di cover e' oramai una consuetudine inevitabile nella carriera di un cantante. In maniera inattesa anche Giorgia non ha saputo resistere al fascino di incidere le canzoni che piu' ha nel suo cuore. Risultato altalenante!

Nulla in contrario per proposte di questo tipo se il risultato finale è soddisfacente. , prodotto da Michele Canova, evitando inutili giri di parole, è un disco deludente che si muove tra fredde drum machine e sintetizzatori.

Il suo amore per l’elettronica palesato negli ultimi lavori, ha spinto la cantante a scegliere soluzioni poco consone al repertorio selezionato, un terreno in cui la voce di Giorgia sembra smarrirsi. Cantare canzoni rese famose da altri interpreti richiede una grande responsabilità perché significa non tradire le versioni originali, sicuramente aggiungendo un tocco personale che le impreziosisca. In concerto accade spesso che reinterpreti alcuni brani non appartenenti al suo repertorio, ma l’effetto è senza dubbio diverso. Quello che manca in “Pop heart” è proprio l’anima, evidente nelle esibizioni dal vivo.

Ascoltando “Le tasche piene di sassi” di Jovanotti, “Dune mosse” di Zucchero, “L'ultimo bacio” di Carmen Consoli, “Lei verrà” di Mango, “Vivere una favola” di Vasco Rossi e “Anima” di Pino Daniele, classici intoccabili del canzoniere italiano, si percepisce un senso di fastidio causato dagli arrangiamenti scarni e freddi che, nonostante l’impegno degli unici due musicisti utilizzati, Alex Alessandroni, jr. (tastiere, sintetizzatori e programmazione ritmica) e Tim Pierce (chitarre elettriche e acustiche), non riescono a dare la giusta importanza alle indubbie qualità vocali della cantante. A poco servono i cameo di Eros Ramazzotti ed Elisa rispettivamente in “Una storia importante” e “Gli ostacoli del cuore”. Il risultato non cambia.

Dopo una accettabile rilettura de “Il conforto” eseguita con Tiziano Ferro l’irritante “Sweet dreams (Are made of this)” degli Eurythmics appare come una mannaia sulla testa di un condannato a morte. E anche “I will always love you” di Whitney Houston , assolutamente nelle corde di Giorgia, viene eseguita come un semplice esercizio stilistico che non provoca nessuna emozione. La scelta di perseguire una strada nuova, legata ad un elettro-pop lontano dalle sue doti vocali, conduce Giorgia ad eseguire anche una pessima versione di “I feel love” di Donna Summer, uno dei must della disco music prodotto in questa occasione da Benny Benassi.

Esistono però momenti che ci riportano vicino alla Giorgia che tutti conosciamo. Oltre alla già citata “Il conforto”, risultano apprezzabili anche “L’essenziale” di Marco Mengoni e la conclusiva “Stay” di Rihanna eseguita con Ainè, promessa del r&b italiano, che non si discosta dalla versione originale. Troppo poco per una cantante apprezzata in tutto il mondo che, probabilmente incoraggiata dalle vendite natalizie, darà un seguito a “Pop heart” con un volume 2 che non avrebbe un risultato diverso se concepito con le stesse caratteristiche. Indubbiamente la sua voce merita ben altro.

Tracklist:
01. Le tasche piene di sassi
02. Una storia importante (cameo di Eros Ramazzotti)
03. Lei verrà
04. Gli ostacoli del cuore (cameo di Elisa)
05. Dune mosse
06. Il conforto (con Tiziano Ferro)
07. Sweet Dreams (Are Made of This)
08. L'ultimo bacio
09. I Will Always Love You
10. I Feel Love
11. Anima
12. Open Your Heart
13. L'essenziale
14. Vivere una favola
15. Stay (con Ainé)






 Articolo letto 839 volte


Pagina stampabile