Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Ai canali 45 e 55 del digitale terrestre della Sony interessate Mediaset, Viacom, Fox ed anche De Agostini
 

www.fanzine.net
 Interviste
•16/02 - Lora & The Stalkers: tra punk, rock'n roll e new wave
•31/01 - Irama a Sanremo per raccontare la violenza sulle donne
•28/01 - Tra numeri primi e robot rock indie: ecco Le Frequenze di Tesla ..
(altre »)
 
 Recensioni
•20/02 - Marte - Metropolis in my head (Libellula) un rock rampante tutto al femminile
•20/02 - Stanza singola: l’album di debutto da solista di Franco126
•20/02 - Gwyn Ashton Solo Elektro (autoproduzione) – Quando hai una chitarra in mano…
(altre »)
 
 Comunicati
•21/02 - XVII Premio Fabrizio De Andrè, ecco i finalisti
•21/02 - Alex Ricci degli Apres La Classe: esce con il suo nuovo singolo decisamente di pop soul elettronico
•21/02 - Queen, il 23 e 24 febbraio programmazione speciale su VH1
(altre »)
 
 Rumours
•21/02 - Mahmood sabato 23 febbraio a Gulp Music (Rai Gulp)
•21/02 - La parte mancante, esce il disco di inediti di Francesco Di Giacomo
•20/02 - Noemi canta Vanoni nella soundtrack di Domani è un altro giorno
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 05/01/2019 alle 11:57:52
Nevrorea - Diva (Suburban Sky/Red Cat, 2018) Il rock italiano, quello bello!!
di Gianni Della Cioppa
In tempi di rap, trap e compagnia bella, il rock italiano sta incassando percosse da ogni parte: la critica lo snobba e il pubblico ne ignora l’esistenza. Nonostante cio' esempi di qualita' ci sono. Lo dimostra il cd d’esordio dei Nevrorea!

In tempi di rap, trap e compagnia bella, il rock italiano sta incassando percosse da ogni parte: la critica lo snobba e il pubblico ne ignora l’esistenza. Nonostante cio' esempi di qualita' ci sono. Lo dimostra il cd d’esordio dei Nevrorea!

I Nevrorea si sono formati tre anni fa a Firenze, roccaforte storica del rock alternativo a band larghe italiano, sin da subito l’intenzione è stata quella di dare voce ad un repertorio proprio, evitando il circuito asfissiante dal punto di vista creativo delle cover band.

Pur con un tocco di modernità, tappezzata di elettronica il trio, formato da Cosimo Bitossi (chitarra, voce e testi) e Lorenzo Bianchi (Batteria, percussioni) e il nuovo arrivato Ernesto Santoro (basso), ha riferimenti importanti classici che agitano chitarre, come il grunge italiano, tra Estra e Verdena ed un tocco romantico che chiama in causa C.O.D. e Deasonika. Merito anche della voce di Cosimo, duttile, melodica e capace di dare vita a linee melodiche importanti, come bella splendida title track, forse il pezzi più rappresentativo del disco, che offre comunque anche altre tappe notevoli, come il riff grasso di “Calliope” e il coro alterato e psichedelico di di “Revolver” una grunge song perfetta.

In un misto di sentimenti personali ed alienazione massificata i Nevrorea pubblicano un esordio di spessore che lascia ben sperare per il rock tricolore, che vive da tempo in ombra, ma che è pronto ad esplodere, perché la qualità non manca. Come dimostra questo ottimo “Diva”.






 Articolo letto 759 volte


Pagina stampabile