Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
La tutela del prodotto autoctono: la polemica su Mogol e le quote di musica italiana..
 

www.fanzine.net
 Interviste
•18/04 - Closer: guardando al futuro!
•13/04 - I Desounder sono sicuri: cambiare il mondo con il rock? Si può fare.
•10/04 - Alex De Vito presenta Io sono fuori
(altre »)
 
 Recensioni
•18/04 - Il negozio di musica di Rachel Joyce, un'appassionante favola moderna
•17/04 - Megàle: Imperfezioni (Area51 Records)
•16/04 - KrashKarma Morph (Splitnail Records) – Industrial evoluto
(altre »)
 
 Comunicati
•19/04 - Giorgia apre a Genova il Festival internazionale di Nervi
•19/04 - Festival Popolare Italiano, dal 25 aprile al Teatro Villa Pamphilj a Roma
•19/04 - Achille Lauro sabato 20 aprile a Gulp Music (Rai Gulp)
(altre »)
 
 Rumours
•19/04 - Boomdabash ft. Cupido & Portusclan El Tigre on air con Que Te Enamores
•17/04 - Campusband 4 Musica e Matematica con Mogol, Mussida e Lavezzi
•16/04 - Chiara Galiazzo annuncia il nuovo singolo Pioggia Viola con J-Ax
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 09/01/2019 alle 18:33:17
Alea & the Sit - Generation, il nuovo pop jazz tradizionale
di Silvio Mancinelli
Generation e' il secondo disco della brindisina Alea la quale, in questo lavoro, si e' fatta accompagnare dal trio lucano The Sit. Un disco che riprende il cammino iniziato con il lavoro precedente intitolato Spleenless.

Generation e' il secondo disco della brindisina Alea la quale, in questo lavoro, si e' fatta accompagnare dal trio lucano The Sit. Un disco che riprende il cammino iniziato con il lavoro precedente intitolato Spleenless.

È uno di quei lavori che io chiamerei senza tempo. Lo chiamerei così perchè un disco suol jazz è sempre uguale a se stesso, in qualunque tempo esso venga prodotto. Alea potrebbe essere un Jason “Jay” Kay di 20 anni fa con i suoi Jamiroquai.

Se Alea ha cominciato facendoci ascoltare del soul tradizionale, in questo “Generation” il jazz soprattutto, ma anche il funk, sono elementi di spicco. Il trio lucano dei Sit, composto da Giuseppe Trivigno, Giuseppe Pignatelli e Aris Volpe, ben supportano il progetto. C'è un uso ben consapevole della tradizione musicale di quel genere, il che rende l'album di Alea un ottimo lavoro.

Non c'è da aspettarsi novità sonore, in quanto si ascolta in “Generation” eleganza e rispetto. Preferisco il cantato in inglese che si sposa meglio con la metrica musicale. Interessante la tribale “Joie”

La tracklist:
1) Dadaism
2) Whisper
3) The wait
4) Blue
5) Generation Y
6) Joie
7) Horizon
8) Don't walk on me
9) Pick me up (prelude)
10) Pick me up from the chasm
11) Dadaism (radio edit)






 Articolo letto 1024 volte


Pagina stampabile