Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Ai canali 45 e 55 del digitale terrestre della Sony interessate Mediaset, Viacom, Fox ed anche De Agostini
 

www.fanzine.net
 Interviste
•16/02 - Lora & The Stalkers: tra punk, rock'n roll e new wave
•31/01 - Irama a Sanremo per raccontare la violenza sulle donne
•28/01 - Tra numeri primi e robot rock indie: ecco Le Frequenze di Tesla ..
(altre »)
 
 Recensioni
•18/02 - Progetto Panico: Universo n.6
•18/02 - Earth to Ashes Earth to Ashes (autoproduzione) – Una bella rinconferma…
•17/02 - Giulio Casale - Inexorable (Vrec, 2019) Un grande ritorno!!
(altre »)
 
 Comunicati
•19/02 - Caba#Lo.Co & Cinici Sapori, rassegna di cabaret musicale al Circolo Arci di Osnago dal 23 Febbraio al 13 Aprile 2019
•18/02 - Jova Beach Party, attivato il tavolo tecnico tra Guardia Costiera e WWF
•18/02 - AIR - Artisti in Residenza il 18 febbraio all'Auditorium di Roma
(altre »)
 
 Rumours
•19/02 - Tufello World Festival: il 22 Febbraio concerto di Ousmane Coulibaly
•18/02 - Mahmood vince anche il Festival della stampa e del media
•18/02 - La tribute band sui Nirvana piu' famosa negli States a Marzo in tour in Italia
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 06/02/2019 alle 19:16:59
Belladonna - No star is ever too far, il classic rock fatto in diretta
di Silvio Mancinelli
Il nuovo album dei Belladonna, “No star is ever too far”, conferma la bontà di questa band, con tredici canzoni che spaccano, suonate come poche band sanno fare.

Il nuovo album dei Belladonna, “No star is ever too far”, conferma la bontà di questa band, con tredici canzoni che spaccano, suonate come poche band sanno fare.

I Belladonna è una band che seguo con piacere perchè rimane fedele alla linea. Sono come dei componenti dell'Isis: integralisti, musicalmente parlando. Con un leggero profilo lo-fi, come hanno fatto per dischi come, per esempio, “And there was light”, ascoltato per voi da Musicalnews nel 2011, i ragazzi usano una registrazione alla vecchia maniera: in diretta e senza autotune.

Un atteggiamento usato anche da grandi band come i Pearl Jam. Il risultato è molto buono: senza farsi incastrare in un determinato genere, sprigionano il loro suono come alcune band degli anni 90: “The turing sniper” fa pensare ad una canzone dei Guano Apes.

Sono apprezzati anche per le colonne sonore: sono presenti in “Ricordati di me” di Gabriele Muccino, in “Fahrenheit 11/9” di Moore e dello spot internazionale del thriller Usa2017 di “Mia cugina Rachel”.

La tracklist

1) Venus rising
2) More more more
3) Come, Babylon
4) The purest of lovers
5) The turing sniper
6) We belong to hell
7) Mengele is disguise
8) Doomsnight
9) Astromer of life
10) Free
11) Black beaty
12) Le porte del cosmo
13) Rising in love






 Articolo letto 413 volte


Pagina stampabile