Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Ai canali 45 e 55 del digitale terrestre della Sony interessate Mediaset, Viacom, Fox ed anche De Agostini
 

www.fanzine.net
 Interviste
•16/02 - Lora & The Stalkers: tra punk, rock'n roll e new wave
•31/01 - Irama a Sanremo per raccontare la violenza sulle donne
•28/01 - Tra numeri primi e robot rock indie: ecco Le Frequenze di Tesla ..
(altre »)
 
 Recensioni
•18/02 - Progetto Panico: Universo n.6
•18/02 - Earth to Ashes Earth to Ashes (autoproduzione) – Una bella rinconferma…
•17/02 - Giulio Casale - Inexorable (Vrec, 2019) Un grande ritorno!!
(altre »)
 
 Comunicati
•19/02 - Caba#Lo.Co & Cinici Sapori, rassegna di cabaret musicale al Circolo Arci di Osnago dal 23 Febbraio al 13 Aprile 2019
•18/02 - Jova Beach Party, attivato il tavolo tecnico tra Guardia Costiera e WWF
•18/02 - AIR - Artisti in Residenza il 18 febbraio all'Auditorium di Roma
(altre »)
 
 Rumours
•19/02 - Tufello World Festival: il 22 Febbraio concerto di Ousmane Coulibaly
•18/02 - Mahmood vince anche il Festival della stampa e del media
•18/02 - La tribute band sui Nirvana piu' famosa negli States a Marzo in tour in Italia
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 09/02/2019 alle 00:06:26
Desolation Angels King (Dissonance Productions) – Eterna NWOBHM…
di Emanuele Gentile
E' sempre un immenso piacere ascoltare gruppi della NWOBHM. In questo caso i Desolation Angels.

E' sempre un immenso piacere ascoltare gruppi della NWOBHM. In questo caso i Desolation Angels.

La storia della NWOBHM è fatta non solo dei gruppi faro quali Iron Maiden, Saxon, Diamond Head, Def Leppard, Raven, Satan e un pugno di altri nomi, ma anche di una marea di band che con il tempo hanno raggiunto lo status di cult band pur non avendo avuto un successo planetario. Fra queste i Desolation Angels.

La band formata nel 1981 è ancora attiva nonostante dal 1994 al 2012 si fosse presa una sosta al pit stop. Per circa due anni – dal 1987 al 1993 – si erano pure trasferiti a Los Angeles negli Stati Uniti. Esordirono con un demo-tape intitolato semplimente “Demo I” proprio l’anno della loro formazione. Per l’esordio discografico si dovrà, invece, attendere il 1986 allorquando esce un album dal titolo omonimo. Da allora hanno pubblicato due album, l’ultimo dei quali, “King” , stiamo recensendo, più un’infinità di demo-tapes, un video, un box-set e due Ep. “King” data della fine del 2017. E’ un album che consta 9 brani e la line-up è la seguente:

Keith Sharp (chitarre);
Robin Brancher (chitarre);
Clive Pearson (basso);
Chris Takka (batteria);
Paul Taylor (canto)
.

L’album si dipana su mid-tempos tendenti allo speed per nulla grezzi. Sono i mid-tempos tipici della NWOBHM. Mid-tempos molto robusti, ma che hanno quel giro armonico che li rende particolarmente orecchiabili. Solo gli inglesi della NWOBHM riuscivano a produrre un sound di siffatta natura. Un sound sì compatto e pur tuttavia in possesso di quel minimo di melodia in grado di acchiappare l’attenzione dell’ascoltatore. La voce di Paul Taylor è una voce di gola e di naso come si usava negli anni ottanta. Le chitarre danno il via a dei giochi di alternanza e di potenza. La base ritmica produce quel cuore pulsante che fornisce il giusto beat all’insieme. Band rodata questi Desolation Angels. Non aspettatevi orpelli, ma vero Heavy Metal come lo si suonava negli anni ottanta. La decade d’oro.

Possiamo, pertanto, dire: welcome back Desolation Angels! Speriamo che non dobbiamo aspettare ventisette anni per ascoltarvi nuovamente perché fra il secondo – “While the Flames still Burns” – e “King” sono passati per l'appunto 27 anni.

Tracks-list:

“Doomsday”;
“Another Turn of the Screw”;
“Devil Sent”;
“Rotten to the Core”;
“Your Blackened Heart”;
“Find Your Life”;
“Hellfire”;
“Sky of Pain”;
“My Demon Inside”.





 Articolo letto 479 volte


Pagina stampabile