Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Ai canali 45 e 55 del digitale terrestre della Sony interessate Mediaset, Viacom, Fox ed anche De Agostini
 

www.fanzine.net
 Interviste
•16/02 - Lora & The Stalkers: tra punk, rock'n roll e new wave
•31/01 - Irama a Sanremo per raccontare la violenza sulle donne
•28/01 - Tra numeri primi e robot rock indie: ecco Le Frequenze di Tesla ..
(altre »)
 
 Recensioni
•18/02 - Progetto Panico: Universo n.6
•18/02 - Earth to Ashes Earth to Ashes (autoproduzione) – Una bella rinconferma…
•17/02 - Giulio Casale - Inexorable (Vrec, 2019) Un grande ritorno!!
(altre »)
 
 Comunicati
•19/02 - Caba#Lo.Co & Cinici Sapori, rassegna di cabaret musicale al Circolo Arci di Osnago dal 23 Febbraio al 13 Aprile 2019
•18/02 - Jova Beach Party, attivato il tavolo tecnico tra Guardia Costiera e WWF
•18/02 - AIR - Artisti in Residenza il 18 febbraio all'Auditorium di Roma
(altre »)
 
 Rumours
•19/02 - Tufello World Festival: il 22 Febbraio concerto di Ousmane Coulibaly
•18/02 - Mahmood vince anche il Festival della stampa e del media
•18/02 - La tribute band sui Nirvana piu' famosa negli States a Marzo in tour in Italia
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 09/02/2019 alle 10:57:29
Il Gigante - La rivolta del perdente (Jap records), la tradizione del rock continua
di Silvio Mancinelli
Non è difficile dire come “La rivolta del perdente” , il primo disco sulla lunga distanza de Il Gigante, sia un grande disco. L'album dura circa 40 minuti proponendo un rock molto incisivo.

Non è difficile dire come “La rivolta del perdente” , il primo disco sulla lunga distanza de Il Gigante, sia un grande disco. L'album dura circa 40 minuti proponendo un rock molto incisivo.

Se proprio dobbiamo accostare il loro stile a quello di altre band italiane, potrei farvi capire suggerendo i Timoria degli anni 90, ma anche i Zen Circus perchè, questo quintetto ha un atteggiamento da band ovviamente, ma un cuore da cantautore come le band appena citate.

Quando si mischiano questi due elementi, l'alchimia produce effetti positivi sull'ascoltatore. Leggermente stoner e per alcuni aspetti anche progressive, “La rivolta del perdente” si può tradurre in uno studio sulla ricerca della verità utilizzando la musica, perchè solo l'arte può salvare il mondo.

La band va in rotte differenti rispetto alla moda della musica odierna, ma mantiene una propria dignità portando avanti la tradizione del rock italiano.

La tracklist

1) Allora suona tu
2) Pace
3) La notte
4) Che sia la fine
5) Nagaraya
6) La rivolta del perdente
7) Charlie
8) La camicia di mio padre
9) Questo è un lento
10) Viviamo per non morire mai






 Articolo letto 357 volte


Pagina stampabile