Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
La tutela del prodotto autoctono: la polemica su Mogol e le quote di musica italiana..
 

www.fanzine.net
 Interviste
•07/03 - Sage, Croazia e storia.
•05/03 - Wyatt Earp: pistole, alcool e rock'n'roll!!
•03/03 - Dalla Russia una gelida folata di Heavy Metal…
(altre »)
 
 Recensioni
•25/03 - Will Ludford Addicted (autoproduzione – promo) – Il suono gentile
•24/03 - HOFAME - Un istante (Goodfellas) il nuovo linguaggio del pop
•23/03 - Anna Ox - Back air falcon dive (Audioglobe)
(altre »)
 
 Comunicati
•24/03 - Nek, il 10 maggio nuovo album e poi tour internazionale
•24/03 - Gli America tornano a luglio in Italia
•24/03 - Ruvio presenta il suo primo disco omonimo a Na cosetta
(altre »)
 
 Rumours
•24/03 - Francesco Renga, in radio L'odore del caffè in attesa del nuovo album
•24/03 - Achille Lauro, il 12 aprile esce 1969
•24/03 - Marco Mengoni inaugura le performance live di Apple Music
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 16/02/2019 alle 11:04:58
Randevu - Omonimo (Bassa Fedeltà rec.), la rivoluzione dolce del rock continua
di Silvio Mancinelli
Molto interessante il primo disco omonimo dei Randevu, trio italo francese il cui album è stato masterizzato presso gli Abbey Road Studios di Londa, ed è in uscita per l'etichetta Bassa Fedeltà.

Molto interessante il primo disco omonimo dei Randevu, trio italo francese il cui album è stato masterizzato presso gli Abbey Road Studios di Londa, ed è in uscita per l'etichetta Bassa Fedeltà.

Sono nove canzoni che si caratterizzano per una grande libertà stilistica. In un momento politico in cui i rapporti tra Italia e Francia non sono idilliaci, per usare un eufemismo, una collaborazione italo francese ci sta tutta.

Come si diceva, è un album di esordio non imprigionato in un genere musicale, ma che cerca di esplorare tanti elementi ed aspetti musicali. “Sunflower” per esempio è un soft rock acustico, ma l'incipit dell'album fa pensare a band come i Nouvelle Vague (sarà per le canzoni in francese), ad una sorta di Air in versione band, e alla rivoluzione del rock “dolce” dei Kings of Convenience.

L'album non brilla per lunghezza, ma arrivare a “Sophie” che sembra essere un omaggio ai Belle e Sebastian è appagante. Da tenere d'occhio.

La tracklist

1) Follow me
2) Assise par terre
3) The Gypsy
4) Love is all
5) Sunflower
6) Sentir la vie
7) A lecture upon the shadow
8) Sophie
9) Wolves






 Articolo letto 535 volte


Pagina stampabile