Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
La tutela del prodotto autoctono: la polemica su Mogol e le quote di musica italiana..
 

www.fanzine.net
 Interviste
•07/03 - Sage, Croazia e storia.
•05/03 - Wyatt Earp: pistole, alcool e rock'n'roll!!
•03/03 - Dalla Russia una gelida folata di Heavy Metal…
(altre »)
 
 Recensioni
•25/03 - Will Ludford Addicted (autoproduzione – promo) – Il suono gentile
•24/03 - HOFAME - Un istante (Goodfellas) il nuovo linguaggio del pop
•23/03 - Anna Ox - Back air falcon dive (Audioglobe)
(altre »)
 
 Comunicati
•24/03 - Nek, il 10 maggio nuovo album e poi tour internazionale
•24/03 - Gli America tornano a luglio in Italia
•24/03 - Ruvio presenta il suo primo disco omonimo a Na cosetta
(altre »)
 
 Rumours
•24/03 - Francesco Renga, in radio L'odore del caffè in attesa del nuovo album
•24/03 - Achille Lauro, il 12 aprile esce 1969
•24/03 - Marco Mengoni inaugura le performance live di Apple Music
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 18/02/2019 alle 14:33:29
Progetto Panico: Universo n.6
di Paolo Polidoro
Nuovo disco del Progetto Panico, intitolato “Universo n.6”, che si trova a lavorare con Alessandro Fiori alla produzione e, grazie al quale, torna il bel suono degli archi in un disco pop d’autore di questa nuova scena italiana tutta digitale

Nuovo disco del Progetto Panico, intitolato “Universo n.6”, che si trova a lavorare con Alessandro Fiori alla produzione e, grazie al quale, torna il bel suono degli archi in un disco pop d’autore di questa nuova scena italiana tutta digitale.

Un bel disco indie come si deve, dalle sfumature post-punk e rock nel grezzo incedere di musica “maleducata” misto a quelle voci corali libere, snelle, sottili, di facili espressioni, quotidiane e soprattutto senza l’arroganza di melodie inarrivabili per cerca l’oro e la svolta.

Voci di storte di “Quando ero piccolo”, i rudimenti beatlessiani tinti di quel blues ruggine in “Vivo per caso” che quasi rimanda ai dischi dei The Record Company o le melodie rotanti che si aprono all’inciso dirompente sporco di fango e di ferite in “Wolfango”.

Questo disco è bello anche di quotidianità, dalla casalinga “Spettacolare” di cui abbiamo il video (casalingo) in rete, alla pop(pissima) leggerezza adolescenziale di metropolitana maniera che si nasconde nella mai dimenticabile “Cattiva Matilde” che ti metti a fischiettare da subito, oppure il perfetto cliché indie di oggi rispettato a dovere e con gusto, nella scrittura come negli arrangiamenti digitali, e sto parlando di “Smile".

Insomma questo disco ha tante facce quante sono quelle che ha di dentro il Progetto Panico, e forse molto altro ancora dovremo scoprire, c’è di sicuro che ogni disco è l’immagine di quel che si ha di dentro, senza filtri e sovraincisioni, senza maghi in regia e senza finzioni di scena.






 Articolo letto 441 volte


Pagina stampabile