Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
La tutela del prodotto autoctono: la polemica su Mogol e le quote di musica italiana..
 

www.fanzine.net
 Interviste
•07/03 - Sage, Croazia e storia.
•05/03 - Wyatt Earp: pistole, alcool e rock'n'roll!!
•03/03 - Dalla Russia una gelida folata di Heavy Metal…
(altre »)
 
 Recensioni
•25/03 - Will Ludford Addicted (autoproduzione – promo) – Il suono gentile
•24/03 - HOFAME - Un istante (Goodfellas) il nuovo linguaggio del pop
•23/03 - Anna Ox - Back air falcon dive (Audioglobe)
(altre »)
 
 Comunicati
•24/03 - Nek, il 10 maggio nuovo album e poi tour internazionale
•24/03 - Gli America tornano a luglio in Italia
•24/03 - Ruvio presenta il suo primo disco omonimo a Na cosetta
(altre »)
 
 Rumours
•24/03 - Francesco Renga, in radio L'odore del caffè in attesa del nuovo album
•24/03 - Achille Lauro, il 12 aprile esce 1969
•24/03 - Marco Mengoni inaugura le performance live di Apple Music
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 20/02/2019 alle 19:31:24
Marte - Metropolis in my head (Libellula) un rock rampante tutto al femminile
di Silvio Mancinelli
Tra poco sarà la festa della donna e non c'è modo migliore di festeggiarlo se non con la musica. Nonostante siano ancora in minoranza, le donne si fanno ascoltare, un esempio è “Metropolis in my head” il primo disco di Marte.

Tra poco sarà la festa della donna e non c'è modo migliore di festeggiarlo se non con la musica. Nonostante siano ancora in minoranza, le donne si fanno ascoltare, un esempio è “Metropolis in my head” il primo disco di Marte.

Martina Saladino, alias Marte, ci propone proprio un bel disco. Un album decisamente rock, che se avesse avuto delle venature elettroniche, sarebbe stato perfetto. “Metropolis in my head” si ascolta in maniera molto veloce, ma il suono (e la voce) è molto intenso.

Come fare a non pensare a PJ Harvey ( per questo parlavo di venature elettroniche) ma anche ad Alanis Morissette degli inizi, quella meno pop e più incazzata. Se questo è l'esordio non oso pensare cosa possa diventare in seguito.

Le canzoni sono in inglese, cosa che non è gradita in questi tempi di imposizioni di canzoni italiane ( o in italiano?). A parte gli scherzi, sappiamo bene che spesso l'inglese è strumento per nascondersi un po', ma forse cantare in italiano ( un po' come ha fatto Elisa) potrebbe essere proprio la svolta commerciale per Martina. Potrebbe essere la Joan as Police Woman italiana.

Nove canzoni da paura a mio avviso. Da avere nella propria discografia, come scommessa vincente.

La tracklist

1) Shallow water
2) Train in a glass
3) Run in
4) In vain
5) While you're falling
6) Wild anger quiet anger
7) dark light
8) Metropolis in my head
9) You want' go








 Articolo letto 578 volte


Riferimenti Web

Pagina stampabile