Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
La tutela del prodotto autoctono: la polemica su Mogol e le quote di musica italiana..
 

www.fanzine.net
 Interviste
•18/04 - Closer: guardando al futuro!
•13/04 - I Desounder sono sicuri: cambiare il mondo con il rock? Si può fare.
•10/04 - Alex De Vito presenta Io sono fuori
(altre »)
 
 Recensioni
•18/04 - Il negozio di musica di Rachel Joyce, un'appassionante favola moderna
•17/04 - Megàle: Imperfezioni (Area51 Records)
•16/04 - KrashKarma Morph (Splitnail Records) – Industrial evoluto
(altre »)
 
 Comunicati
•19/04 - Giorgia apre a Genova il Festival internazionale di Nervi
•19/04 - Festival Popolare Italiano, dal 25 aprile al Teatro Villa Pamphilj a Roma
•19/04 - Achille Lauro sabato 20 aprile a Gulp Music (Rai Gulp)
(altre »)
 
 Rumours
•19/04 - Boomdabash ft. Cupido & Portusclan El Tigre on air con Que Te Enamores
•17/04 - Campusband 4 Musica e Matematica con Mogol, Mussida e Lavezzi
•16/04 - Chiara Galiazzo annuncia il nuovo singolo Pioggia Viola con J-Ax
(altre »)
Pubblicato il 20/03/2019 alle 00:01:17
St. Madness Bloodlustcapades (autoproduzione - promo) – Heavy Metal Heavy Metal
di Emanuele Gentile
Brano apripista per il nuovo album dei metallers americani St. Madness.

Brano apripista per il nuovo album dei metallers americani St. Madness.

I St. Madness sono una vecchia conoscenza per i nostri lettori visto che ne abbiamo parlato in un articolo/recensione risalente al 2014. Oggi si rifanno vivi con un promo composto da un solo brano. Il brano che fornisce il titolo all’album. Ossia "Bloodlustcapades” .

Certo basare una recensione su un solo brano è un ardimento di non poco conto. Magari se fossero stati tre o quattro. Comunque sia, il brano ci permette di capire che l’album sasrà parecchio tosto. Infatti, il sound è un Heavy Metal roccioso e compatto. Nessun spazio alla melodia. Qui siamo in pieno campo Judas Priest tanto per intenderci. Un cantato forte e rabbioso. Delle chitarre intente ad eruttare riff su riff alla velocità della luce. Una base ritmica tellurica e pachidermica. Insomma, i defender qui avranno di che godere. E alla grande direi.

Brevissima nota biografica. Il gruppo nasce nel 1993 come Crown of Thorns. Il monicker fu cambiato quattro anni dopo perché sulla East Cost era attivo un gruppo dal nome similare in possesso del copyright. Pertanto, si decisero di chiamarsi St. Madness. Sotto questo monicker hanno prodotto un bel po’ di album e sviluppato un’intensa attività live.

A questo punto quando me lo mandate il Cd promozionale vero e proprio?. Ogni tanto il lavoro di critico musicale rassomiglia a quello di un rabdomante che basa le sue sensazioni su pochissimi, quasi nulli elementi.





 Articolo letto 818 volte


Pagina stampabile