Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
La tutela del prodotto autoctono: la polemica su Mogol e le quote di musica italiana..
 

www.fanzine.net
 Interviste
•18/04 - Closer: guardando al futuro!
•13/04 - I Desounder sono sicuri: cambiare il mondo con il rock? Si può fare.
•10/04 - Alex De Vito presenta Io sono fuori
(altre »)
 
 Recensioni
•18/04 - Il negozio di musica di Rachel Joyce, un'appassionante favola moderna
•17/04 - Megàle: Imperfezioni (Area51 Records)
•16/04 - KrashKarma Morph (Splitnail Records) – Industrial evoluto
(altre »)
 
 Comunicati
•19/04 - Giorgia apre a Genova il Festival internazionale di Nervi
•19/04 - Festival Popolare Italiano, dal 25 aprile al Teatro Villa Pamphilj a Roma
•19/04 - Achille Lauro sabato 20 aprile a Gulp Music (Rai Gulp)
(altre »)
 
 Rumours
•19/04 - Boomdabash ft. Cupido & Portusclan El Tigre on air con Que Te Enamores
•17/04 - Campusband 4 Musica e Matematica con Mogol, Mussida e Lavezzi
•16/04 - Chiara Galiazzo annuncia il nuovo singolo Pioggia Viola con J-Ax
(altre »)
Notizie
Pubblicato il 07/04/2019 alle 10:00:03
Vibra un diapason: quel palombaro di Roberto Cacciapaglia alla Feltrinelli di Firenze
di Giancarlo Passarella
A Gennaio dell'anno scorso avevo avuto l'occasione di presentarlo ed avevo parlato di un cacciatore di perle sincroniche, ma per il nuovo disco Roberto Cacciapaglia diventa ancora piu' comunicativo ed invita a lasciare il salvagente ..

A Gennaio dell'anno scorso avevo avuto l'occasione di presentarlo ed avevo parlato di un cacciatore di perle sincroniche, ma per il nuovo disco Roberto Cacciapaglia diventa ancora piu' comunicativo ed invita a lasciare il salvagente ..

La bella foto è di Teresa Madeo, seduta in prima fila Venerdì scorso alla fiorentina Feltrinelli RED per assistere alla lectio del grande compositore.

Prima dell'incontro, io e Roberto Cacciapaglia ci siamo reciprocamente autografati due libri: io ed il dottor Paolo Scarsella gli abbiamo fatto una dedica sul libro Dolore No-Te..SynchRock (perchè contiene l'intervista che Roberto Cacciapaglia mi ha concesso), poi io ho chiesto se poteva dedicarmi la sua biografia, quella che è andato a presentare a Pisa nelle ore successive all'incontro fiorentino.

Tanta gente alla Feltrinelli RED di Piazza della Repubblica (ed infatti l'incontro è stato introdotto da Cinzia Zanfini) ed abbiamo alternato le mie domande alle sue risposte, le curiosità di tutti alle sue suonate, tra cui (richiesta a gran voce) l'ammaliante Oceano.

Sono partito leggendo le prime righe dell'intervista sul mio libro per verificare se erano attuali.

Roberto, cosa ci fai tra le montagne dell’Alto Adige?
Ho scelto Renon (si trova sopra Bolzano) perché c’è un auditorium straordinario … un vero tempio del suono, tutto in legno e corrisponde a quello che compongo, perché mi da energia. E lì ho registrato i pianoforti del mio nuovo disco che si intitola Diapason. In mezzo a queste valli c’è una natura straordinaria e tutti gli elementi positivi sono presenti: è stata una esperienza speciale .. in un luogo molto speciale!


Da quel momento i discorsi sono stati tanti, la musica ci ha piacevolmente interrotto e ci ha permesso di sognare, riflettere ed emozionarci: giovani pianiste gli hanno fatto domande, cultori della melodia italiana hanno chiesto a Cacciapaglia tante spiegazioni, ma soprattutto ci siamo immersi in un mondo creativo che richiede semplicità unita ad una complicità di cuore. La sincronicità come collante e la buffa spiegazione di come certa musica attuale rimanga in superfice e che quindi va abbandonato il salvagente.. preferendo una immersione totale (quasi circadiana), magari vestiti da palombari se si ha il coraggio di andare a fondo!



Nel raccogliere gli applausi finali, ci siamo permessi di ricordare che il suo nuovo tour il 27 Aprile tocca Pisa e che i biglietti sono ancora disponibili. Poi ho chiesto a Roberto Cacciapaglia se si ricordava dei giorni in cui era in studio con Gianna Nannini per l'album GN e di chi era il fonico con cui lavorava: ha esclamato Michele Muti ed allora ... ho fatto la carambata, telefonando proprio a Muti e passandogli Cacciapaglia.

E' stato bello assistere al loro dialogo, scoprendo tanti episodi inediti e financo che tutto il lavoro si stava interrompendo, perchè a Milano c'era stata una scossa di terremoto..

Torno a casa soddisfatto e mi arriva questo messaggio.. Caro Giancarlo, sei stato una guida alpina stellare, un subacqueo straordinario e l’immersione era da pescatori di perle...Grazie di cuore..

Se vedete passeggiare uno vestito da palombaro che canta degli jodel.. quello sono io!






 Articolo letto 394 volte


Pagina stampabile