Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Filatelia e musica rock, francobolli e collezionismo discografico: le mille osmosi …
 

www.fanzine.net
 Interviste
•06/01 - Marco Papadia: tradizione e avanguardia nel jazz
•17/12 - Bobby Posner tra nostalgia, rimpianti e progetti futuri
•19/11 - Quel contrabbasso umano di Max Pezzali, tra la seconda generazione punk rock inglese e le nuove canzoni alla radio
(altre »)
 
 Recensioni
•18/01 - The Allophones – Muscle Memory (VRec)
•18/01 - Metral Promo (autoproduzione) – Heavy Metal e basta
•17/01 - Cara Calma - Sulle punte per sembrare grandi (Cloudhead Records e Phonarchia Dischi)
(altre »)
 
 Comunicati
•17/01 - Al via la seconda stagione di Variazioni su Tema su Rai5 con Gege' Telesforo
•17/01 - Il Professor Vecchioni e la sua ossessione per il tempo
•16/01 - I Nomadi in concerto sabato 27 gennaio a Roma
(altre »)
 
 Rumours
•17/01 - Ghali il 19 gennaio a Radio 2 Live
•17/01 - Non e' mica da questi particolari che si giudica un cantautore, il 18 gennaio con Pino Marino
•16/01 - Alex Zuccaro premiato a Lecce: valente musicista, arrangiatore e collaboratore di Franco Migliacci, oltre che nell'opera rock sinfonica Stabat Mater ...
(altre »)
Rumours
Pubblicato il 14/05/2004 alle 18:41:28
Al Blue Note arriva Nicora Arigliano
di Antonio Ranalli
Lunedì 17 maggio, al Blue Note, ci sarà un doppio concerto di Nicola Arigliano.

Nicola Arigliano torna in concerto al Blue Note (via Borsieri, 37 – Milano) lunedì 17 maggio. I concerti sono alle ore 21.00 e 23.30 (per informazioni/prenotazioni: 02 69016888; apertura porte: ore 19.30). Ingresso: 25,00 euro (ingresso scontato per i giovani sotto i 26 anni per il secondo spettacolo delle 23.30).
Nicola Arigliano può senz’altro essere considerato il più grande cantante di jazz che ha avuto l’Italia. La sua professionalità insieme alla grande personalità e carisma che tra l’altro lo hanno fatto anche essere attore ed autore di brani musicali, gli hanno permesso di essere forse l’unico vero cantante di jazz che il nostro Paese abbia mai avuto. Il fatto che abbia poi partecipato al Festival di Sanremo e che abbia conosciuto quindi il grande pubblico, non l’ha mai allontanato da una sua forma di privacy che lo ha sempre contraddistinto e caratterizzato. Il repertorio di Nicola Arigliano va dallo swing italiano ed americano degli anni ’30, ’40, ’50 e ’60 ,a tutta una serie di canzoni grottesche tipiche del suo personaggio, che ne hanno fatto e caratterizzato il repertorio. Con Nicola Arigliano suonano: Giampaolo Ascolese, batterista e percussionista che ha circa trenta anni di esperienza con tantissimi musicisti di jazz americani tra cui Chet Baker, Lee Konitz, con alle spalle l’incisione di circa 50 tra cd ed album, di cui tre come leader di progetti. Antonello Vannucchi, che è stato per circa 35 anni il pianista titolare dell’orchestra della Rai di Roma , oltre ad essere stato il pianista di fiducia di innumerevoli jazzisti americani in tour in Italia. Elio Tatti, contrabbassista che, dopo anni di esperienze nella musica classica, ha esordito nel campo del jazz in maniera brillante, collaborando con veterani del jazz italiano, quali Puccio Sboto, Marcello Rosa, Cicci Santucci, Antonello Vannucchi, Romano Mussolini. Nicola Arigliano ,con il suo cd “I sing ancora” del 1996, ha vinto il “Premio Tenco 1996”, davanti ad artisti del calibro di Mina, Ornella Vanoni, Ivano Fossati, Gino Paoli ed Adriano Celentano. Da allora sono usciti altri tre cd : “Nu’ ritratto…” della Onyx , “Italian crooner to the americans” della Philology , in cui Arigliano canta tutti standard americani, cosa veramente rara, e l’ultimo edito dalla Nun “Go , man!” , che sta riscuotendo un grandissimo successo di vendite e di critica.

 Articolo letto 578 volte


Pagina stampabile