Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
La rivoluzione tecnica del digitale terrestre: manca poco, ma ... siamo pronti?
 

www.fanzine.net
 Interviste
•25/02 - I Bee Gees raccontati da Roberta Maiorano
•24/02 - Feronia: il prog metal per l'era del cambiamento!!
•17/02 - Fleshgore…dalla ex cortina di ferro con furore…
(altre »)
 
 Recensioni
•26/02 - Root Madness of the Graves (Paragon Records) – Capolavoro ritrovato
•25/02 - ‘Bagnoli Babylon' è il nuovo graffiante album di Pierpaolo Iermano
•24/02 - Black Hole – Evil In The Dark (Andromeda Relix, 2017) Musica aliena per menti distorte.
(altre »)
 
 Comunicati
•24/02 - Non inizia bene neanche questo weekend, il nuovo singolo di Claudia Cantisani
•23/02 - George Harrison, festa di compleanno il 24 e 25 febbraio su VH1
•23/02 - Esce Acoustic Tarab Alchemy, disco d'esordio di A.T.A. tra jazz e canti sufi
(altre »)
 
 Rumours
•24/02 - (Alberto) Bianco presenta il nuovo disco Qu4ttro in tour
•23/02 - Leftlovers, nuovo singolo Ilaria Graziano & Francesco Forni
•22/02 - Ossigeno con Manuel Agnelli su Rai 3 dal 22 febbraio
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 17/05/2004 alle 15:54:37
Terapia d'urto per il Jailbreak
di Massimo Giuliano
Il gruppo, formato da detenuti, ex detenuti e operatori della Casa di Reclusione Rebibbia si esibirà nel locale romano il 20 maggio. Inizio ore 22,30

Il 20 maggio 2004 presso il Jailbreak live club di Roma si svolgerà il concerto dei Terapia d’urto, gruppo formato da detenuti, ex detenuti e operatori della Casa di Reclusione Rebibbia. Il concerto avrà inizio alle 22,30 e prevederà un ingresso di 2,50 euro.
La vicinanza del locale all’istituto è sempre stata un incentivo all’idea di promuovere momenti di scambio che ipotizzassero l’organizzazione di eventi sia nel club che all’interno della casa di reclusione stessa. Questa serata è un primo passo verso una collaborazione finalizzata all’organizzazione di concerti di gruppi provenienti dal territorio all’interno del carcere di Rebibbia.
La storia di Terapia d'urto nasce nel 1982. A quell’epoca la Casa di Reclusione di Rebibbia fece una scelta che non si è più modificata nel tempo. Teatro e musica sarebbero stati terreni privilegiati su cui investire risorse per favorire la espressività dei detenuti. Soprattutto teatro e musica hanno rappresentato la possibilità per la popolazione detenuta di dimostrare all’esterno che, se vengono offerte delle opportunità, il volto dei carcerati e dello stesso carcere è molto diverso da quello pensato dall’immaginario collettivo.
In questi due decenni Terapia d'urto ha cambiato formazione, come ovvio, molte volte. Così come si sono succeduti in Istituto i musicisti professionisti che hanno contribuito alla crescita musicale del gruppo. Dal grande e compianto Massimo Urbani a Tony Esposito, che è stato il primo a riportare i napoletani ad interessarsi degli strumenti a percussione, propri della tradizione, a Vittorio Nocenzi, numerosi sono stati i contributi offerti.
Terapia d'urto si è esibita in molte occasioni all’esterno del carcere. Nell’ultimo decennio ha avuto l’onore di esibirsi in due inverni diversi (il prossimo sarà la terza volta) al Big Mama di Roma. La Festa di Liberazione ha ospitato il gruppo per tre volte.
I detenuti fruiscono di appositi permessi premiali. Il gruppo è poi sostenuto dai musicisti che insegnano all’interno del carcere e da vecchi componenti della formazione che, pur liberi, tornano a suonare con i vecchi compagni quando si presenta l’occasione.
Il repertorio è rimasto quasi identico negli anni: Hendrix, Cream, Santana, Eagles, Robert Johnson, il blues in genere sono i riferimenti musicali da tanti anni, e le cover degli anni ’70 in genere sono al centro della programmazione. Un po’ anche per ricordare che alcuni detenuti che hanno fatto parte o che continuano a vivere in istituto stanno in carcere dalla fine degli anni settanta, dalla fine di un'utopia con la quale si cerca di convivere senza sconfinare nella rassegnazione. E la musica è uno strumento indispensabile per questo obiettivo.
La formazione con cui Terapia d'urto si esibirà al Jailbreak sarà, con ogni probabilità, la seguente:
Piero Petrullo (batteria e voce)
Roberto Turco (basso e tastiere)
Franco Montella (tastiere)
Antonio Turco (chitarra e voce).

Forniranno un contributo:
Maria Grazia De Lorenzo (vocalist) Bianca Di Cesare (vocalist)
Dario Di Cesare (chitarre)
Oreste Ferrazza (chitarre).

Saranno graditi ospiti:
Pino Caronia (violino)
Alberto D'Alfonso (flauto e sax tenore)

Durante il concerto verranno lette alcune poesie contro l’apartheid scritte da poeti africani.


Jailbreak Live Club - Via Tiburtina, 870 00159 Roma - Tel 064063155 - Fax 0640814981
info@jailbreak.it

 Articolo letto 2353 volte


Riferimenti Web

Pagina stampabile