Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Martedi' 30 Ottobre si decide per la vendita dei 5 mux di Persidera. societa' con TIM e GEDI ..
 

www.fanzine.net
 Interviste
•10/12 - Anema, il cuore mediterraneo del Rock Progressivo.
•03/12 - Opera Oscura: romanticismo (metal) progressivo.
•01/12 - Con gli Ancestral andiamo alla ricerca del Maestro del Fato…
(altre »)
 
 Recensioni
•11/12 - Bucalone: Bucalone (Autoprodotto)
•10/12 - Johnny Casini: Port Luis
•09/12 - Grandi insegne il grande allibratore - Ad oggi mancano, parlare del persona in maniera originale
(altre »)
 
 Comunicati
•11/12 - Sono i Thirty Seconds To Mars i primi big al Pistoia Blues 2019
•11/12 - A Pistoia la prima Blues City Club nelle vie del centro storico
•11/12 - Elisa il 12 dicembre a Rai Radio 2
(altre »)
 
 Rumours
•10/12 - Siae sulla tragedia di Ancona: per noi la sicurezza delle persone è al primo posto ma non rientra nei nostri compiti
•09/12 - Tragedia di Ancona, appello di Assomusica
•08/12 - Premio Ciampi 2018 a Livorno la serata finale con De Sio e Vecchioni
(altre »)
Rumours
Pubblicato il 31/05/2005 alle 11:37:23
Dolcenera in vetta alle classifiche con Un mondo perfetto
di Paolo Ansali
"Un mondo perfetto" (Edel) il nuovo album di Dolcenera dopo solo una settimana dalla sua uscita è gia al 4° posto della classifica. Ben tre cover nel CD, come "Sei bellissima", "Pensiero stupendo" e "Lulu e Marlene" dei Litfiba.

L’album “Un Mondo Perfetto” di Dolcenera è un viaggio emozionante tra sensibilità sociale ed introspezione, tra rabbia e amore, tra inquietudine e passione. La cantautrice salentina giunge alla sua maturità artistica con un album, in pieno stile rock stile “fine-anni-sessanta”, caratterizzato dalla sincerità emotiva delle sue canzoni: immagini raffinate, passaggi poetici in un linguaggio, nella sua combinazione con la musica, chiaro e forte dettato dalla “incoscienza” della scrittura d’impulso e guidato da un lavoro successivo attento e preciso, quasi rigoroso.Non c’è retorica: ogni canzone coglie momenti e contrasti esistenziali della propria sensibilità e natura umana. E’ facile immedesimarsi in questo connubio di melodia, armonia, ritmo, parole e voce. Non ci sono etichette o definizioni per la musica di Dolcenera perché questo connubio di musica e parole esula da certe “appartenenze” e si veste di una sonorita’ asciutta quanto efficace, cosi’ da mettere in risalto la sua grande espressivita’ vocale. Un album suonato dalla stessa cantautrice e dal suo gruppo, ma hanno anche partecipato alcuni tra i più importanti musicisti del songbook italiano: canzoni di stampo post-rock, richiami alla cultura rock della fine degli anni sessanta, con suoni e atmosfere accattivanti, anche grazie all' esclusivo utilizzo di chitarre “vintage” e amplificatori e microfoni valvolari.

Dolcenera, con questo secondo album, ha saputo raccontarsi in un modo tutto suo; ha saputo regalare emozioni, entrando dentro l’anima di chi la sta ad ascoltare. Dalle storie personali di un amore spesso contrastato, mai raccontato in modo banale ma carpito da brevi quanto intensi momenti di intimità (la ballata “Continua”, il grido di “Tutto è niente” e la durezza di “Com’eri tu”) si passa all’impegno morale e sociale di “Un Mondo Perfetto” contro la propria comoda indifferenza davanti alle sofferenze invisibili della vita domestica di una ragazza madre.
La centralità della sensibilità sociale di Dolcenera non si coglie soltanto dal fatto che questo brano ha dato il nome all’album, ma anche dalla versione, quasi teatrale, di una delle canzoni, contro la guerra, più belle e più importanti del rock italiano: l’interpretazione emozionante di “Lulù & Marlene” ratta dal primo album “Desaparecido” dei Litfiba la dice lunga sulla formazione artistica di Dolcenera caratterizzata da un rock che spesso è stato di denuncia sociale.
E il grido di denuncia viene fuori con “Portami Via”, dove il rock diventa più inglese contro la noia di un’esistenza di periferia che si è arresa all’inutile attesa di chi non ha il coraggio di provare a cambiare il proprio destino.
Canzoni sincere, per amore o per rabbia, l’autrice parla sempre a se stessa in tutte le sue canzoni, fino ad arrivare allo stato crudo e confidenziale di “Qualche volta”
(“Ho un po’ di paura che passa soltanto se non ci penso più”) e di “Passo dopo Passo” dove Manu canta la sua voglia di reagire agli ostacoli professionali passati in questi ultimi due anni. Ci sono due versioni di “Mai più noi due” ad aprire e chiudere l’album, come se per l’autrice l’arrivo non fosse altro che un punto di partenza osservato, o meglio, ascoltato da un punto di vista diverso: la prima versione, piu’ ricca nella strumentazione, esprime in modo graffiante la nostalgia del ricordo di un grande amore, l’altra versione (piano, voce e colori) mette in risalto la poesia delle parole e della voce di Dolcenera.

La copertina, tra rock e poesia, è realizzata da Paolo De Francesco di Moltimedia: il paesaggio con la fabbrica di Copenaghen, il cielo nuvoloso e l’uomo con il palloncino a forma di cuore prelude ad un album che parla di amore, mentre i sette uccellini simboleggiano le sette note e il ritmo in "sette quarti" di “Com’eri tu”. A completare il lavoro troviamo una emozionante rivisitazione di “Pensiero stupendo” di Patty Pravo, registrata “buona alla prima” accompagnandosi solo col pianoforte, e una vera e propria chicca:“Sei bellissima”, in versione integrale, completa di quella parte del testo che nel brano originale cantato da Loredana Berte’ fu a suo tempo censurata.

 Articolo letto 4623 volte


Riferimenti Web

Pagina stampabile