Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
La rivoluzione tecnica del digitale terrestre: manca poco, ma ... siamo pronti?
 

www.fanzine.net
 Interviste
•17/02 - Fleshgore…dalla ex cortina di ferro con furore…
•12/02 - Angelus Rock infreddolito: Roberto Cacciapaglia inizia il tour russo e poi il 5 Marzo parte quello italiano da Firenze ..
•06/01 - Marco Papadia: tradizione e avanguardia nel jazz
(altre »)
 
 Recensioni
•23/02 - James and the Butcher - Plastic Fantastic (RNC music)
•22/02 - Shahyid Legacy Gateways (autoproduzione) – Anche le Maldive suonano Heavy Metal!
•20/02 - Straight Hate Every Scum is a Straight Arrow (Deformeathing Production) – Polonia violenta
(altre »)
 
 Comunicati
•23/02 - George Harrison, festa di compleanno il 24 e 25 febbraio su VH1
•23/02 - Esce Acoustic Tarab Alchemy, disco d'esordio di A.T.A. tra jazz e canti sufi
•23/02 - Slow Music progetta un nuovo mondo sonoro
(altre »)
 
 Rumours
•23/02 - Leftlovers, nuovo singolo Ilaria Graziano & Francesco Forni
•22/02 - Ossigeno con Manuel Agnelli su Rai 3 dal 22 febbraio
•22/02 - Matthew Lee e Patrizia Cirulli il 28 febbraio a Rock File Live!
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 15/06/2005 alle 11:56:48
Van Der Graaf Generator: Roma, Foro Italico (13/06/2005)
di Paolo Ansali
Il ritorno dei Van Der Graaf Generator a Roma ha regalato un concerto a dir poco emozionante e memorabile.

Erano in duemila al Foro Italico di Roma per salutare il grande ritorno dei Van der Graaf Generator nella Capitale, un pubblico caloroso di semplici appassionati e di esperti per un evento atteso molto a lungo. Probabilmente l'infarto che ha colpito Hammill ha accellerato
i tempi della reunion con la pubblicazione del doppio "Present" e il primo tour dopo 27 anni. I VDGG di oggi non hanno perso l'antico smalto e il loro sound, fatto di continue evoluzioni vocali e strumentali, è forse l'unico e il migliore esempio di dark-progressive degli anni 70. Eccoli di nuovo, il drummer Guy Evans grintoso anche sui tempi più complessi, l'organo da brivido di Hugh Banton, il grande David Jackson fantasista dei fiati e Peter "the voice" Hammill, che, per la prima volta in Italia, ha beneficiato della traduzione integrale dei suoi magnifici testi raccolti in un libro pubblicato dal "Centro studi per le opere di PH e VDGG". La scaletta è solo in parte simile a quella della performance milanese, lasciando per "Present" un paio di estratti tra cui "Every bloody emperor". Largo spazio ai classici dei 70's con "Darkness", che apre il concerto, poi "The undercover man", "Scorched earth", "Still life", accolti con lunghi applausi, un entusiasmo che trascina il gruppo in una esibizone memorabile. Da quel masterpiece chiamato "Pawn hearts", nel 1972 era ai primi posti delle nostre classifiche insieme ai vari LP di Genesis e Jethro Tull, non potevano mancare le convulsioni di "Lemmings" e l'eterna lotta tra bene e male che anima "Man-Erg", l'assassino e l'angelo che vivono dentro ognuno di noi, tra le pieghe della mente e del cuore, uno dei temi centrali della poetica di Peter Hammill. Quando si siede al piano per una "Refugees" da colpo al cuore il tempo è volato e siamo già al bis che si conclude con la mitica sigla "Theme One" di George Martin, dove il vocalist lascia spazio ai suoi compagni. I quattro, dopo due ore di grande musica, ringraziano i fans che ormai hanno lasciato i loro posti per correre sotto il palco. Un successo per il Progressivamente Rock Festival di Guido Bellachioma e una serata che di certo ricorderemo a lungo.

 Articolo letto 3941 volte


Pagina stampabile