Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Spotify quotato in borsa: a noi, cosa ci cambia?
 

www.fanzine.net
 Interviste
•03/04 - Monnalisa: il sorriso del prog italiano
•31/03 - Marco Acquarelli, tra sperimentazione ritmica e ricerca sonora
•22/03 - Marygold: 25 anni di musica prog, passione, divertimento ed amicizia!
(altre »)
 
 Recensioni
•25/04 - Fuga sul pianeta rosso - Quadrosonar (Phonarchia dischi)
•24/04 - In-Side – Out-Side (Andromeda Relix) Potere alla melodia!!
•21/04 - I Traditori - Delicato (Libellula)
(altre »)
 
 Comunicati
•26/04 - Cristiano De Andrè porta in tour Storia di un impiegato
•25/04 - Lezioni di Rock... in jazz il 27 aprile a Roma dedicato a Stevie Wonder
•25/04 - Cory Henry & The Funk Apostles apre il 16 luglio Arena Derthona a Tortona
(altre »)
 
 Rumours
•26/04 - Vittorio De Scalzi torna con L'Attesa
•26/04 - Van Morrison, esce il disco con l'organista Joey DeFrancesco
•25/04 - Bella Ciao, il nuovo video delle Nuove Tribu' Zulu per il 25 aprile
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 27/10/2005 alle 22:17:38
Luis Miguel a Los Angeles fa il pieno in tutti i concerti.
di Agnese Di Marco
Uno spettacolo impressionante dove l'artista metto tutto se stesso, con grande talento e carisma.

Uno spettacolo impressionante dove l'artista metto tutto se stesso, con grande talento e carisma.

I concerti di Los Angeles

Il fan club italiano di Luis Miguel ha seguito i primi concerti del tour “México en la Piel”, in America, precisamente a Los Angeles. Luogo delle esibizioni è stato l’Universal Amphitheatre presso gli Universal Studios.
L’artista messicano ha tenuto ben sei esibizioni e ha fatto sempre il tutto esaurito. La rivista Billboard, la più importante per il mondo della musica, lo ha, quindi, catalogato come il secondo artista di successo al botteghino negli Stati Uniti, superando così Celine Dion e Elton John e arrivando secondo solo a Paul McCartney.
“México en la piel” è uno dei migliori tour di Luis Miguel: la voce, l’intensa interpretazione, l’ottima scelta e la sequenza delle canzoni (up-tempo, boleros, ballate e rancheras) danno vita ad uno spettacolo di grande qualità. Bella ed essenziale la scenografia che consiste in una fazenda messicana con colonne ricoperte di edera, dove prendono posto i musicisti e le due coriste. Ai lati del palco vi sono due scalinate, due monitor e un maxischermo, in alto, in posizione centrale. Luis Miguel irrompe sul palcoscenico, sbucando da una parete bianca che poi diventerà una porta.
Sono due ore di ottima musica, dove l’artista regala al suo pubblico intense emozioni. L’apertura e la chiusura del concerto sono caratterizzate da pezzi molto ballabili: “Qué nivel de mujer”, “Será que no me amas” e ”Te propongo esta noche” fanno scatenare i presenti. I boleros, invece, creano un momento di grande romanticismo. L’artista attinge, infatti, alla tradizione musicale del suo paese per fare una serenata al suo pubblico sulle note di “No sé tú”, “Historia de un amor” y “Bésame mucho”. Magistrale l’interpretazione delle rancheras (musica popolare messicana) tratte dal suo ultimo album “México en la piel”, che ha venduto milioni di copie ed è stato premiato con il disco Diamante. Luis Miguel è accompagnato da dodici mariachi e canta tutto il suo amore per il Messico, paese che lo ha visto crescere e che lo ha alimentato, musicalmente parlando. Temi come “El Viajero”, “México en la piel” e “Mi Ciudad” sono un inno alla sua terra. Quale orgoglio per i messicani!
Luis Miguel interagisce con noi fans attraverso piccoli gesti e complicità di sguardi. Non possiamo far altro che rimanere affascinati da lui che, tra l’altro, sfoggia sempre abiti impeccabili. Completi di Armani , Zegna e Fendi sottolineano la classe, l’eleganza e lo stile di Luis Miguel.
E’ uno spettacolo impressionante, e su quel palco l’artista messicano mette tutto se stesso. Noi che abbiamo avuto la possibilità e la fortuna di seguire più di un concerto, grazie alla generosità del cantante e al suo Staff, possiamo testimoniare che l’artista possiede veramente un grande carisma, che la musica è il nutrimento fondamentale della sua vita e attraverso di essa esprime tutto il suo mondo interiore.
Il fan club è stato ricevuto dal manager dell’artista, il signor Alejandro Asensi, il quale ha mostrato molto interesse ai nostri progetti per il ritorno di Luis Miguel nel nostro paese. E’ stato molto gentile con noi e ci ha spronato nel raggiungere questo obiettivo. Abbiamo avuto anche il piacere di conoscere uno dei musicisti, Francisco Loyo, il pianista, al quale piace molto l’Italia e ci ha confermato che Luis Miguel vi vuole tornare.
Noi siamo grati a tutti loro per la disponibilità e l’affetto dimostratoci e naturalmente un grazie di cuore va al nostro caro Luis Miguel che ci ha regalato momenti indimenticabili nelle serate losangeline. Adesso, più che mai, desideriamo fortemente che anche l’Italia possa apprezzare presto la sua arte e lavoriamo con gioia per il suo ritorno!

 Articolo letto 4104 volte


Pagina stampabile