Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
La tutela del prodotto autoctono: la polemica su Mogol e le quote di musica italiana..
 

www.fanzine.net
 Interviste
•07/03 - Sage, Croazia e storia.
•05/03 - Wyatt Earp: pistole, alcool e rock'n'roll!!
•03/03 - Dalla Russia una gelida folata di Heavy Metal…
(altre »)
 
 Recensioni
•25/03 - Will Ludford Addicted (autoproduzione – promo) – Il suono gentile
•24/03 - HOFAME - Un istante (Goodfellas) il nuovo linguaggio del pop
•23/03 - Anna Ox - Back air falcon dive (Audioglobe)
(altre »)
 
 Comunicati
•24/03 - Nek, il 10 maggio nuovo album e poi tour internazionale
•24/03 - Gli America tornano a luglio in Italia
•24/03 - Ruvio presenta il suo primo disco omonimo a Na cosetta
(altre »)
 
 Rumours
•24/03 - Francesco Renga, in radio L'odore del caffè in attesa del nuovo album
•24/03 - Achille Lauro, il 12 aprile esce 1969
•24/03 - Marco Mengoni inaugura le performance live di Apple Music
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 15/03/2007 alle 13:05:54
Periferia Del Mondo (Electromantic), il terzo disco della prog band romana
di Paolo Ansali
E' uscito il terzo disco della Periferia Del Mondo, tra le migliori prog italiane, porta semplicemente il loro nome ed esce per la Electromantic, sulle orme di Banco, Area e PFM.

E' uscito il terzo disco della Periferia Del Mondo, tra le migliori prog italiane, porta semplicemente il loro nome ed esce per la Electromantic, sulle orme di Banco, Area e PFM.

Tra le migliori progressive band italiane, la Periferia Del Mondo si segnala per un percorso artistico che si lega ai gruppi storici degli anni’70 come Banco, Area e PFM.
Sono nati nel 1996 grazie al drummer Tony Zito e il valente fiatista Alessandro Papotto, che entra a far parte molto giovane del Banco, partecipando a tour importanti. A loro si aggiungongono il bassista Claudio Braico, il chitarrista Giovanni Tommasi e poi Bruno Vegliante alle keys. Al primo disco della PDM “In ogni tempo in ogni luogo”, pubblicato nel 2000 dall’Akarma, fa seguito tre anni dopo “Un milione di voci”, disco ambizioso che ospita due nomi imprescindibili del rock italiano, Mauro Pagani e Vittorio Nocenzi. Purtroppo il progetto non è sostenuto a dovere dalla label.

Oggi esce il terzo disco per la Electromantic Music di Beppe Crovella degli Arti & Mestieri e porta semplicemente il nome del gruppo, quasi un nuovo punto di partenza. L’eterogeneità è un punto di forza della PDM, e riflette le varie influenze personali. Se la title-track è un accorato manifesto sociale, “Chiaroscuro” è più vicina alla canzone d’autore mentre il riff compatto di “Synaesthesia” mi riporta ai Gentle Giant. Il momento migliore è “Suite Mediterranea”, sulle strade etniche degli Indaco con cui Papotto ha collaborato. Le parti vocali sono affidate a Papotto, pur non essendo un vocalist di ruolo cerca di interpretare al meglio gli interessanti testi. Una musica raffinata e complessa, ricca di spunti tecnici, sempre ben dosati.

 Articolo letto 6294 volte


Pagina stampabile