I profumi che accompagnano una vita nell’intervista con Amedeo Giuliani

Tre dischi al suo attivo in undici anni di carriera: viene da Pescara e con l’etichetta Music Force ha un buon rapporto collaborativo. Nel recensire il suo recente cd Il viaggio di Chinook mi sono sorti degli interrogativi ed ho voluto contattarlo per farmi chiarire alcuni punti: è stato così gentile e garbato, da rispondermi subito. Gentile e garbato come le sue canzoni ..

Un caldo bentrovato ad Amedeo Giuliani: che realtà musicale c’è a Pescara? Direi che ci sono tanti bravi musicisti e artisti di livello troppo slegati fra loro.
– Ma poi … chi è Chinook? Chinook è un singolare pesce, comunemente denominato salmone il quale, con la sua forza, coraggio e resistenza del vivere ci riporta alle aspirazioni e desideri e travagli nell’affrontare le vicissitudini, le esperienze e disavventure dell’esistenza umana.
– La tua discografia consta di 3 album: vogliano provare a descriverli? Il primo uscito nel 2008 è Il fantasma del buio, edito da Wide Production / MusicForce e distribuito Self; dodici brani, alcuni dei quali scritti in collaborazione con il poeta siciliano Cesare Zarbo e magistralmente arrangiati dal M° Adriano Guarino. Un disco giovane, acerbo ma di forti contenuti e carico di emozioni. Nel 2015 esce il concept album Monadi, scritto in collaborazione con Cesare Zarbo e arrangiato dal M° Adriano Guarino, distribuito Wide Production: un disco intenso, maturo, con immagini forti… il 25 Giugno di quest’anno è uscito Il viaggio di Chinook scritto in collaborazione con Cesare Zarbo, Alessandra De Luca e arrangiato sempre dal M° Adriano Guarino. Edito da Music Force e distribuito Egea Music. Un disco vero, viscerale, pregno di immagini ed emozioni.

– Sappiamo del tuo amore per De Andrè, De Gregori, Dylan e Leonard Cohen: ma c’è qualche altro nome che ci vuoi fare?
Certamente cito Angelo Branduardi, il caro Goran Kuzminac che purtroppo non c’è più .. ma con cui poi ho stretto una bella amicizia e diverse collaborazioni e tanti progetti che non abbiamo potuto portare a termine… Rino Gaetano, Ivan Graziani, gli amici Ernesto Bassignano, Max Manfredi, Oliviero Malaspina, Pippo Pollina

– Come hai conosciuto la Music Force, etichetta che ha sede a Chieti? Abbiamo collaborato insieme al primo disco, mi sono trovato molto bene, hanno idee giuste e sono onesti. Dopo una pausa di un disco, sono tornato in scuderia.
– Mi è rimasta molto impressa la frase …Hai galleggiato nel vino per ore …le tue canzone sono frutto della pura fantasia? O qualcuno racconta un episodio che hai vissuto? Tutte raccontano il mio vissuto. Il mio punto di vista sulle cose che mi girano intorno. Le emozioni, le sensazioni, i colori, i profumi che hanno accompagnato la mia vita fino ad oggi. Senza la presunzione di insegnare niente a nessuno.