Franco Eco vola a Los Angeles, mentre va bene il film Rapiscimi con la sua colonna sonora

E’ nelle sale cinematografiche la commedia Rapiscimi, opera prima del regista Giovanni Luca Gargano con le musiche del compositore Franco Eco, entrambi originari della Calabria. Ispirata da una originale idea imprenditoriale, in cui un gruppo di giovani creano una start-up di vacanze estreme che organizza rapimenti. Ambientata in Calabria, la pellicola vuole sdrammatizzare e far sorridere sulla condizione di chi nasce e vive in piccoli paesi dell’entroterra, dove il più delle volte sognare una vita diversa è difficile e la disoccupazione ti divora. Il film si caratterizza per azione, atmosfera e tempi western, dove il destino dei diversi personaggi si intreccia a dar vita a una storia ricca di colpi di scena. Vivi l’estremo, fatti rapire. Questo lo “slogan” e il messaggio chiave del film. Il film vede la partecipazione di un cast artistico e tecnico la cui origine è quasi tutta del calabrese, la conferma che l’attività cinematografica in Calabria è in forte ascesa.

“Rapiscimi” è una coproduzione italo-portoghese realizzata da Alba Produzioni / Arbalak (Italia) e Check the Gate (Portogallo), un film riconosciuto d’interesse culturale con il contributo della Direzione Generale per il Cinema-Mibact; con il contributo di Film Commission Calabria, con il sostegno della Regione Lazio e in collaborazione con RADIO E TELEVISAO DE PORTUGAL. Colonna sonora prodotta e distribuita da ALA BIANCA GROUP. Disponibile dal 18 aprile su tutti gli store digitali (Apple Music, Spotify, Google Music, Amazon Music, Deezer, etc.)

Ha dichiarato Franco Eco (visibilmente soddisfatto) .. Sono molto contento di aver lavorato per una pellicola prodotta in Calabria. Dopo quasi venti film sparsi per l’Italia e il mondo finalmente mi sono sentito come a casa; durante il mix si parlava in calabrese, peccato mancassero ‘nduja e soppressate! Ma la musica scritta poco centra con quella di tradizione calabrese, anzi, la colonna sonora è soprattutto basata su armonie blues con venature tipiche delle sonorità western; pianoforti scordati e bending di chitarre accompagnano tutta l’ambientazione. Con il regista Giovanni Luca Gargano abbiamo subito trovato l’idea musicale e abbiamo lavorato nella direzione per dare al film un sapore western. Il risultato è esilarante, una commedia degli equivoci la cui musica segue parallelamente le esperienze disastrate dei protagonisti. Infine, stiamo lavorando molto per far progredire il cinema come disciplina artistica e didattica in Calabria, terra totalmente vergine ed inesplorata sotto questo punto di vista. Sono molti i professionisti della mia generazione che stanno operando in questa direzione e i primi frutti li stiamo già raccogliendo grazie anche a nuove politiche territoriali incentrate sulla settima arte”.

 

Come si nota dal suo Facebook, il giovane compositore in questo momento è a Los Angeles, ma tornerà entro il 19 Giugno, quando ci sarà il Premio Globo D’Oro nel quale è tra le nominations. Dichiara Giancarlo Passarella (in foto con lui a fine articolo)…Non posso che ritenermi soddisfatto per il momento che sta vivendo il nostro Franco Eco, ora dall’altra parte del mondo per tenere una masterclass organizzata dall’ACMF Associazione Compositori Musica per Film e dall’Istituto Italiano di Cultura di Los Angeles. Vogliamo pertanto ripetere i complimenti? Se li merita tutti…