Nel programma Vulcanici (di/con Michelengelo Iossa) ospite il sassofonista Steve Norman degli Spandau Ballet, dopo aver visto Omar Pedrini, l’attore Alessio Boni ed il produttore Geoff Westley

Vulcanici sulla piattaforma televisiva terrestre DVBT di Canale 9 e sul circuito nazionale 7 Gold: al pubblico dell’emittente si affiancherà quello più ampio nazionale che il programma raggiunge attraverso il web. Ogni puntata infatti, verrà distribuita sulla piattaforma-YouTube di Canale 9, condivisa dai canali-social di Canale 9, di Vulcanici, di DipMusic e di Michelangelo Comunicazione e, naturalmente, dalle pagine-social ufficiali degli ospiti che parteciperanno al programma.

Questa nuova puntata (da stasera a mezzanotte visibile in tutta Italia) vede protagonista Steve Norman, polistrumentista, sassofonista e co-fondatore dei leggendari Spandau Ballet, una delle più amate band del pop britannico degli anni Ottanta! La puntata è arricchita da un’intervista speciale con Steve Norman e da un live-set elettrizzante, che vede protagonisti – oltre al musicista inglese – anche la sassofonista Alessia Ciccone e il DJ- Claudio Ciccone Bros, protagonisti del POP-UP TOUR of Italy con mr. Norman. Nel corso della puntata, il conduttore Michelangelo Iossa intervista il giornalista e scrittore Christian D’Antonio, direttore di The Way Magazine e da sempre attento studioso dei fenomeni della pop-music britannica degli Eighties.

La precedente puntata era arricchita da tre interviste esclusive: alle telecamere di Vulcanici si raccontavano Omar Pedrini, uno dei ‘papà’ del rock italiano degli ultimi 25 anni (partendo dai Timoria) e l’attore Alessio Boni. Sono stati incontrati nel backstage del loro spettacolo teatrale/musicale 66 / 67,  protagonista a Salerno dell’ultima stagione del Napoli Teatro Festival Italia. Altro ospite della puntata il leggendario produttore Geoff Westley, tra i più importanti ‘producer’ a livello mondiale: al fianco di Bee Gees, Phil Collins o Peter Gabriel, Westley ha firmato alcuni dei dischi più importanti della storia del pop italiano, da Una donna per amico e Una giornata uggiosa di Lucio Battisti a Strada Facendo di Claudio Baglioni, affiancando anche Riccardo Cocciante o Mango. Negli studi della Elios Registrazioni Audiovisive, Westley ha poi eseguito al pianoforte alcuni estratti del suo primo album solista strumentale e una selezione di brani tratti dai 33 giri di Lucio Battisti e Claudio Baglioni.