Si sciolgono i Thegiornalisti. L’annuncio su Instagram

“E gli anni passano gli amori finiscono, le band si sciolgono senza un perché”. Così canta Luca Carboni ne “Le band si sciolgono”. Una canzone che Tommaso Paradiso sembra aver ascoltato molto in questi ultimi giorni prima di dare su Instagram la notizia che nessuno (detrattori a parte) si sarebbe a aspettato. I Thegiornalisti si sciolgono. Non suoneranno più insieme. E Tommaso Paradiso si appresta ad avviare una carriera solista, con tanto di singolo in uscita tra pochi giorni.

Notizia clamorosa, che arriva a circa 10 giorni dal concerto evento che il gruppo romano ha tenuto al Circo Massimo di Roma, davanti a oltre 40 mila persone. L’annuncio è arrivato su Instagram, social network molto amato dal cantante e autore Tommaso Paradiso. Una volta ci si sarebbe aspettati un comunicato stampa, un annuncio ufficiale e anche una conferenza stampa. Ma la musica ai tempi di Internet corre veloce e una “stories” su Instagram risulta più efficace.

“E nascono canzoni tristi che un po’ ci piacciono senza un perché, esplodono canzoni tristi che un po’ ci fan cantare e ridere senza un perché” canta sempre Luca Carboni, uno degli artisti che più hanno ispirato Paradiso, tanto da essere ospite nei concerti del gruppo (anche al Circo Massimo).

I Thegiornalisti, già nella scelta del nome della band, ha deciso di cantare le cose di tutti i giorni in modo schietto e diretto, come per un articolo di cronaca scritto per un’immaginaria testata giornalistica. Tommaso Paradiso, Marco Primavera e Marco Antonio Musella, che avevano dato via al progetto nel 2009, in questi anni sono cresciuti notevolmente, puntando sempre e incondizionatamente il dito al cielo alzando il più possibile il braccio, il rituale che compiono i battitori di baseball quando vogliono avvertire il pubblico che hanno intenzione di battere un “fuoricampo” (come il terzo disco del gruppo).

“Tra qualche giorno uscirà una nuova canzone”, scrive Tommaso Paradiso su Instagram, “Non uscirà come Thegiornalisti ma uscirà come Tommaso Paradiso. D’ora in poi tutto ciò che scriverò e canterò non sarà più Thegiornalisti, ma sarà Tommaso Paradiso. E’ giusto che sia così. E’ stata una fantastica avventura che ci ha portato fino al Circo Massimo. Ma sapete meglio di me, o come me, che le storie nella maggior parte dei casi non sono eterne. E’ inutile che vi stia a raccontare le dinamiche per le quali si è arrivati a questa conclusione. I problemi ce li teniamo per noi. A voi deve rimanere tutto l’amore che in questi anni abbiamo condiviso insieme. Ovviamente ci saranno polemiche, sono pronto a leggere e a sentire qualsiasi cosa. Si faranno congetture e si diranno inesattezze, è inevitabile. Ma d’altronde chiunque ha diritto di esprimere la propria opinione anche se non conosce la materia trattata. Ho scritto e cantato ogni singola nota e ogni singola parola di tutto ciò che fino ad oggi avete ascoltato. Continuerò a farlo, continuerò a farlo come Tommaso Paradiso. Sono stati, questi ultimi, mesi molto difficili; sono stato in silenzio. Volevo che il Circo Massimo fosse una grande festa e non un funerale. Ripeto, credo che non sia nobile spiegarvi il come ed il perché di tutto questo. Se un giorno sarò dagli eventi costretto a dare spiegazioni lo farò. Per ora vi basti solo sapere che sono stato male”.

Già la scorsa estate erano rimbalzate voci su frizioni interne al gruppo. Prima il cambio di casa discografica (dalla Carosello, con cui avevano pubblicato “Fuoricampo”, “Completamente Sold Out” e “Love”, alla Universal con il singolo “Maradona y Pele”), poi alcune iniziative che hanno visto Paradiso sempre più protagonista, tra cui la lavorazione del suo primo film da regista e sceneggiatore. “Ho pensato ad alcune icone immortali”, ha detto Paradiso, “e il passaggio ad una major non cambierà niente. Le categorie musicali le fanno il tipo di scrittura e il mio resterà lo stesso”.

L’ultima notizie riguarda la cittadinanza onoraria di Riccione per Tommaso Paradiso, che nel 2017 aveva inciso con la band la hit “Riccione”. Il prossimo 4 ottobre il musicista sarà nella cittadina romagnola per un cameo in un nuovo film a firma Lucky Red e riceverà dal sindaco, Renata Tosi, la cittadinanza onoraria per poi salire sul palco di piazzale Roma per uno speciale e uno show case che, in parte, verrà utilizzato per la pellicola che sarà girata in città. Una delle scene principali sarà ambientata a un concerto che vedrà, appunto, il cameo dell’artista e come palcoscenico la grande arena sul mare di Piazzale Roma.

Intanto in rete e sui social resta la delusione e l’amarezza da parte dei fans. “Le lacrime salgono fino agli occhi e poi scendono, da dove vengono nessuno lo sa”. Luca Carboni ha dannatamente ragione.