Incidono per Agualoca Records: sono la Fanfara Station ed hanno appena vinto il Premio Andrea Parodi

La band (formata da musicisti provenienti da Tunisia, Italia e Stati Uniti) con il brano Rahil (in lingua tunisina) vincono la dodicesima edizione di questo importante premio, vera e propria vetrina di world music. Ai Fanfara Station va anche il premio della critica e quello per il migliore arrangiamento. La serata finale è stata trasmessa in diretta sulla pagina Facebook di Rai Radio Tutta Italiana.

Alle serate di Venerdì e Sabato, hanno partecipato uditori del festival Crêuza de mä – Musica per cinema, organizzato dall’Associazione Backstage, in collaborazione con il Centro Sperimentale di Cinematografia e Sardegna Film Commission. I vincitori sono stati decretati da tre diverse giurie. La giuria tecnica, che ha assegnato il premio assoluto e le menzioni, era formata da Gianfranco Cabiddu (regista e musicista), Gigi Camedda (musicista), Lia Careddu (attrice), Gaetano d’Aponte (Premio Bianca D’Aponte), Gesuino Deiana (musicista e operatore culturale), Andrea Del Favero (Folkest), Tiziana Tosca Donati (musicista e attrice), Giovanni Gianluca Floris (Presidente del Conservatorio di Cagliari), Pippo Rinaldi Kaballà (musicista), Elena Ledda (direttrice artistica, musicista), Silvano Lobina (musicista), Annamaria Loddo (operatore culturale), Gino Marielli (musicista), Nicola Meloni (operatore culturale), Michele Palmas (Produttore S’ard Music), Diego Pani (Memorial University of Newfoundland, Canada, e musicista), Simone Pittau (musicista), Andrea Ruggeri (musicista), Simonetta Soro (musicista e attrice), Stefano Starace (Mo’l’Estate), Jacopo Tomatis (Premio Città di Loano), Gisella Vacca (musicista e attrice) e Dario Zigiotto (Negro Festival).
La giuria del Premio della Critica comprendeva Claudio Agostoni (Popolare Network), Simone Cavagnino (Unica Radio), Flavia Corda (Rai3 Sardegna), Tore Cubeddu (Eja TV), Enrico De Angelis (giornalista), Ciro De Rosa (Songlines), Max De Tomassi (Rai Radio 1 Stereonotte), Daniela Deidda (Sardegna Eventi 24), Daniela Esposito (Ufficio Stampa musicale), Salvatore Esposito (Blogfoolk), Enzo Gentile (Il Mattino), Elisabetta Malantrucco (Rai Radio Techetè), Marco Mangiarotti (QN / Il Giorno ), Maria Grazia Maxia (Federazione degli Autori), Luca Mirarchi (Unione Sarda), Claudia Mura (Tiscali.it), Duccio Pasqua (Rai Radio 1, Un giorno da gambero / Centocittà), Andrea Musio (La Nuova Sardegna), Fausto Pellegrini (Rai News 24), Timisoara Pinto (Rai Radio 1, In Viva Voce), Walter Porcedda (Musica Jazz), Andrea Marco Ricci (NuovoImaie), Claudio Scaccianoce (Linkiesta.it ), Paolo Talanca (Il fatto quotidiano), Mario Tasca (Sardegna 1), John Vignola (Radio 1 Music Club). La giuria internazionale era composta da Sergio Albertoni (RSI, Svizzera), Thorsten Bednarz (Deutschlandfunk Kultur Radio, Germania), Edyta Magdalena Łubińska (Università’ di Varsavia, Istituto di Etnologia e Antropologia Culturale), Piotr Pucylo (Globaltica Festival, Polonia), Bastiaan Springer (Koncertzender, Radio Netherlands, Olanda).
A questa dodicesima edizione del Premio Andrea Parodi ci sono stati graditi ospiti (così come vi avevo annunciato in un precedente articolo) ossia Moni Ovadia (Venerdì) ed il Sabato abbiamo ammirato Simone Cristicchi, Tosca e La Maschera, gruppo vincitore l’anno scorso. Tutti nel ricordo del frontman dei Tazenda..