Rimini 2019/2020, il capodanno più lungo del mondo: qualche dettaglio in più ..

Ieri vi ho presentato in questo articolo un primo sunto di quello che succederà nella bella Rimini, evidenziando solo gli aspetti di richiamo emersi in conferenza stampa: Federico Fellini, il concerto di Coez ed i Planet Funk nell’ambito della reunion delle storiche discoteche della costa. Ma fortunatamente c’è molto di più e per accontentare gusti diversi e non solo una generazione di sfrenati discotecari.

Piazzale Fellini vedrà salire sul palco Coez, simbolo del nuovo cantautorato italiano e portavoce della sua generazione. Dopo il concerto che ripercorrerà tutte le hit del cantautore (con oltre 20 dischi di platino al suo attivo) e dopo gli immancabili fuochi d’artificio sul mare di mezzanotte, la festa di capodanno proseguirà nel centro storico fra Piazza Cavour e Piazza Malatesta, trasformate in una grande Rimini Dance Reunion. Un club a cielo aperto diffuso, dove le storiche discoteche e i loro deejay si riuniscono per dar vita ad una serata speciale nell’atmosfera dei club degli anni ’80 e ’90. Paradiso, Velvet, Slego, Baia degli Angeli, Cellophane e Barcelona saranno le grandi discoteche che si daranno appuntamento nel centro cittadino per una serata sui mitici anni d’oro del divertimento notturno. Special guest in centro storico, una delle band più eclettiche del panorama musicale italiano ossia i Planet Funk. E ancora Ricky Montanari, simbolo della house in tutto il mondo, Daniele Baldelli, deejay icona della Baia degli Angeli e dj Cirillo, precursore della musica techno, si uniranno alle consolle delle discoteche che suoneranno fra piazza Malatesta, Arena Francesca da Rimini e piazza Cavour. Non mancheranno Roberta Lanfranchi e Claudio Guerrini di RDS 100% Grandi Successi con la loro energia musicale ad intrattenere i numerosi ospiti in piazza Cavour. E poi ancora il complesso degli Agostiniani, la domus del Chirurgo, il Museo della città saranno scrigni musicali dove i viandanti potranno attraversare ogni genere musicale.
E finita la festa più lunga dell’anno, sarà ancora la musica a dare il via al 2020 con un capolavoro assoluto come il Rigoletto di Giuseppe Verdi che sarà rappresentato nel Teatro Galli (1, 3 e 4 Gennaio).

Il Capodanno più lungo inizia il 30 novembre con la magia delle luci in omaggio a Fellini.  La festa si accende a Rimini a partire dal 30 di novembre, quando un tetto di stelle sostenuto da grandi mongolfiere con scritte di luci, illuminerà a festa piazza Cavour, trasportando l’immaginario cinematografico di Fellini e ripercorrendo le atmosfere di quelle indimenticabili pellicole attraverso le sue frasi celebri. In occasione dell’accensione delle luminarie natalizie del 30 novembre, Un mare di fuoco sbarca in piazza Cavour con tre diverse performance di mangiafuochi, fachiri, acrobati e incantatori fino all’esibizione ‘corale’ delle ore 18, che porterà all’accensione delle luci natalizie. Per tre domeniche (8, 15 e 22 Dicembre), piazza Cavour si trasforma nel paese delle favole, a cura di Cartoon Club, il Festival Internazionale Cinema di Animazione, Fumetto e Games.a musica techno nel mondo. Nel Museo della città, la musica incontra l’arte con il concerto con brindisi della mezzanotte nella Sala del Giudizio fra gli affreschi del trecento riminese. Apertura straordinaria alla Domus del chirurgo dove, fra i mosaici delle stanze di Eutyches, risuonano note d’autore.
Le suggestioni del Natale fra presepi e Romagna Osteria – Non mancheranno i presepi tradizionali e quelli di sabbia. Immancabile come ogni anno, la tradizione del Natale rivive sulla spiaggia di Rimini con i presepi di sabbia giganti a Marina Centro, sulla spiaggia dei Bagni 3-4 Turquoise Beach Club e a Torre Pedrera, presso il bagno 65. I presepi con splendide sculture di sabbia a grandezza naturale, saranno inaugurate sabato 7 dicembre e rimarranno aperte al pubblico fino a domenica 12 gennaio. Fra gli appuntamenti da non perdere, dal 6 all’8 dicembre Matrioska Lab Store, che ritorna negli spazi dell’Ala Nuova del Museo Luigi Tonini. Qui, oltre ai manu-fatturieri che esporranno le proprie creazioni, si aggiunge un programma sempre più ricco di iniziative per adulti e bambini. Il 19 dicembre il fascino della dolce vita riminese entra nel suo luogo d’elezione, il Grand Hotel dove farà tappa la brigata di cuochi di Romagna Osteria, il viaggio dei sensi fra i luoghi e i paesaggi più belli della Romagna. La tappa riminese ci fa entrare nel clima felliniano e natalizio di un luogo simbolo della città, dove si celebra la festa di Natale con tutti i cuochi. Il Borgo San Giuliano vedrà le sue caratteristiche stradine invase dagli eventi di Borgo Natale. Si inizia il 30 novembre con la fiaccolata dedicata al Maestro Fellini che percorrerà Borgo San Giuliano, decorato con riferimenti ai film del Maestro, sino al ponte di Tiberio.

Fellini 100 and the Dolce Vita Exhibition – Il più completo progetto espositivo itinerante mai allestito su Fellini dal titolo Fellini 100 and the Dolce Vita Exhibition, che dall’Italia si sposterà in spazi prestigiosi in diversi paesi del mondo, sarà inaugurata a Castel Sismondo il 14 dicembre. La mostra rappresenta una sorta di anticipazione, attraverso un sistema di “messe in scena” come set cinematografici, del progetto del Museo internazionale dedicato alla sua opera. L’esposizione ruota attorno a tre nuclei di contenuti: il primo racconta la Storia d’Italia a partire dagli anni Venti-Trenta per passare poi al dopoguerra, per finire agli anni Ottanta attraverso l’immaginario dei film di Fellini. Il secondo nucleo è dedicato al racconto dei compagni di viaggio del regista, reali, immaginari, collaboratori e no. Infine il terzo nucleo sarà dedicato alla presentazione del progetto permanente del Museo Internazionale Federico Fellini.
Ha affermato afferma Giuseppe Gagliano (Direttore centrale relazioni esterne del Gruppo Hera, sponsor dell’evento Hera) … Il nuovo anno merita gli auspici migliori, per dare corpo ai quali operiamo ogni giorno al servizio delle nostre comunità locali, senza dimenticarci di premiare le iniziative che esprimono al meglio il valore di un tessuto umano e sociale unico, come quello romagnolo. Proprio per questo il Gruppo Hera è felice di sostenere in qualità di main sponsor il capodanno riminese, riconoscendo in esso il profilo di un’offerta ampia e popolare, che saprà incontrare il favore di tutti..