Gregory Porter dice Thank You

Voce sensazionale insignita di premio Grammy®, Gregory Porter condivide il suo nuovo singolo, un ringraziamento dal cuore da oggi pubblicato si etichetta Decca Records/Blue Note. Gregory ha dedicato la canzone a tutti coloro che lo hanno supportato nella sua vicenda personale ed artistica, inclusi i fan – vecchi e nuovi – che continuano a trovare la felicità grazie alla sua musica.

Dice Gregory: “La mia nuova canzone ‘Thank You’ ha un significato tutto speciale. L’ho scritta dedicandola a voi, miei fan, ringraziandovi per essere accorsi ai miei concerti, per aver ascoltato la mia musica e per avermi sostenuto in tutti questi anni. L’ho ideata anche per ringraziare chi mi ha aiutato in questo mio percorso: vi sono grato per l’ispirazione e l‘incoraggiamento che mi avete dato. Ma in questi tempi difficili, voglio ringraziare anche chi è in prima fila, chi ci sta aiutando. Questa canzone vuole parlare anche della fede che ci sorregge nell’attraversare questa valle oscura. Questa canzone è per la famiglia, per gli amici, per tutti. Questa canzone è per te.”

la nuova consolante canzone (capace di risollevare gli animi) è opera di una delle migliori voci della sua generazione, e mette in luce l’irresistibile voce di Gregory al meglio della sua forma. Un trascinante mix di jazz, soul, blues e gospel – con il marchio inconfondibile del battito di mani del grande vocalist – trasmette un senso di gioia e pienezza: una formula che non potrà che incontrare il favore dei fan.

‘Thank You’ è la traccia finale del nuovo album (la cui uscita è ora fissata per il 28 di agosto) ‘All Rise’. Prodotto da Troy Miller, l’album – oltre a quella egli agli storici e fidati collaboratori di Porter – vede la presenza di un’orchestra con fiati, coro e gli archi della London Symphony Orchestra.

A partire dal suo esordio di risonanza mondiale del 2013, ‘Liquid Spirit’ (Blue Note), che ha conseguito il Grammy® come “Best Jazz Vocal Album”, Gregory non ha mai abbandonato le legioni di fan in tutto il mondo, sia collaborando con Disclosure in ‘Holding On’, pubblicando un successo dance come ‘Liquid Spirit – Claptone Remix’ (popolarissimo ad Ibiza), vincendo un nuovo Grammy® con ‘Take Me to the Alley’ (2016), o rivelando la sua storia personale nell’affrontare il repertorio di Nat “King” Cole. Porter è tuttora sorpreso di tanto successo, ma ha una teoria: “Fin da bambino mi sono confortato da solo, grazie alla mia voce. E penso che lo stesso valga per gli altri. Cerco di rimarginare le mie ferite con queste canzoni.”

Come sempre, Gregory Porter cerca di aprirsi un varco tanto fra i confini fra generi musicali quanto fra le difficoltà della vita, offendo a tutti e in ogni occasione la sua ricca, profonda voce e la sua esuberante personalità in tempi in cui sappiamo come di tutto questo ci sia davvero un grande bisogno.

“All Rise”, il nuovo album di Gregory Porter, uscirà su etichetta Decca Records/Blue Note il 28 agosto