Ballard, nuovo progetto del chitarrista Paolo Ballardini

Dai musical alle produzioni, dalle grandi orchestre sino ai festival: Paolo Ballardini è coinvolto in diversi progetti nei quali deve emozionarsi per dare il meglio. Ora la notizia di Ballard, un progetto solista che si concretizzerà con il mese di Febbraio. Prima di analizzare il comunicato stampa giunto da Mazzarella Press Office, clicca qui per scoprire in quali dischi Paolo Ballardini è coinvolto

Ballard prevede il 1 Febbraio il singolo Changes ed il 10 Febbraio il relativo videoclip. Il primo singolo vede la partecipazione di grandi musicisti come il batterista ungherese Adam Marko (SPECIAL PROVIDENCE) , il bassista Claudio Sannoner (INSTANT KARMA, THE PRICE) , il tastierista Luca Scherani (HOSTSONATEN, LA COSCIENZA DI ZENO) e Simone Carbone (ASYMMETRY OF EGO) che ha curato il mixaggio. Ha dichiarato Ballardini … Changes è il primo brano che ho scritto per il progetto ed è ispirato dal concetto di costante cambiamento insito negli esseri viventi ed in tutto ciò che li circonda, qualcosa cui l’uomo non si può sottrarre e che ci fa vivere una moltitudine di emozioni ..
Paolo Ballardini è un chitarrista di estrazione rock che in vent’anni di carriera ha sempre cercato di allargare i propri orizzonti musicali. Collabora con lo storico batterista Walter Calloni facendo parte della band fusion Tulip Tree, mentre in ambito progressive (grazie all’arrangiatore Marco Canepa) dal 2016 è chitarrista di Excalibur, opera-rock dell’artista bretone Alan Simon. Ha avuto la possibilità di condividere il palco con alcune icone come Martin Barre (JETHRO TULL), Michael Sadler (SAGA), Richard Palmer (KING CRIMSON), John Helliwell (SUPERTRAMP), Moya Brennan (CLANNAD) e molti altri. Sul progetto Ballard, ha dichiarato .. Credo offra la possibilità di uscire da stilemi pre-costruiti e l’ho trovato un terreno fertile per lavorare alle mie composizioni. Un contenitore perfetto che mi permette di convogliare le mie idee musicali, il mio personale gusto per l’armonia ed i tempi dispari e mi lascia ampia libertà su arrangiamenti e scelte timbriche. Oltre i classici è stato di grande ispirazione ascoltare giovani artisti come Animals as Leaders, Plini, Intervals, David Maxim Micic..