Samuele Bersani in radio con Il tuo ricordo

Samuele Bersani torna in radio con “Il tuo ricordo”, secondo singolo estratto dall’album “Cinema Samuele” (Sony Music). Splende il lavoro di Samuele in una canzone che entrerà di diritto nell’Olimpo della sua musica.”Il tuo ricordo” parte come una ballad pianistica, ma synth, basso e batteria portano il brano su un registro quasi epico dove la sezione ritmica puntella il refrain e il suono svetta subito per carica emotiva.

Una dicotomia che accentua il testo nella cronaca di uno scontro poetico tra Passato e Presente, dove quest’ultimo suggella la sua gloriosa vittoria, “Lo scontro è leggendario: appena ha inizio, uno sta’ zitto e l’altro fa il suo comizio. Non vuole capire di essere troppo in ritardo per dare lezioni a chi invece è in orario”. E su questo formidabile tappeto di parole e suoni, tra armature pianistiche e visioni folgorate, si stende la voce di Samuele, in una nuova prova della sua intensità. Mentre basso e batteria si sostengono e creano un ritmo vitale, quello dei battiti del cuore. Ma “Il tuo ricordo” non è una canzone d’amore: è una storia di separazione, di conflitto interiore in un’analisi senza sconti, e soprattutto di rinascita che si mantiene a distanza di sicurezza dalla retorica o dai meri esercizi di stile. Con uno dei brani più ispirati del suo nuovo album, Bersani dimostra ancora una volta di possedere quell’energia misteriosa e rara capace di trasformare una canzone in qualcosa di unico e memorabile. E ad accompagnare la traccia, si aggiunge uno splendido videoclip girato da Giacomo Triglia che torna dietro la macchina da presa per Bersani, dopo la meravigliosa prova di “Harakiri”, dando continuità al progetto. Immaginari alla Gondry riecheggiano in questo nuovo cortometraggio che ha per protagonista Camilla Semino Favro, la stessa attrice presente nel video di “En e Xanax”. “Il tuo ricordo” è il secondo tassello di un album che segna un nuovo percorso sonoro per l’artista, figlio di una lunga e attenta ricerca musicale. “Cinema Samuele” racconta la vita nelle sue infinite declinazioni, tra fragilità e senso di onnipotenza, incomunicabilità e sentimenti sinceri, ironia e visioni, tra passato che torna e presente che si impone. Samuele parte dal suo mondo, dal suo vissuto, ma diventa anche osservatore di ciò che lo circonda e ora mostra come le canzoni possano essere anche dei film da guardare ad occhi chiusi. Un lavoro innovativo, prodotto e arrangiato dallo stesso Bersani con la collaborazione di Pietro Cantarelli.