Il destino universale sarà quello di essere in una Tribù Urbana, titolo del nuovo album di Ermal Meta

Al prossimo Festival di Sanremo ci sarà anche lui con Un milione di cose da dirti. Venerdì 15 Gennaio ha pubblicato il singolo No Satisfaction, accompagnato da un videoclip per la regia di Andrea Folino. Sono lontani i tempi in cui l’ho conosciuto: non erano quelli con gli Ameba4, ma i successivi con gli emozionanti La fame di Camilla. Compirà quaranta anni il 20 Aprile..

A dirigere l’orchestra del Festival di Sanremo per lui sarà Diego Calvetti. Oltre ad assimilare ogni nota del suo brano Un milione di cose da dirti (testo di Ermal Meta, musica di Ermal Meta e Roberto Cardelli), saremo concentrati nella serata di Giovedì 4 Marzo. Sarà accompagnato sul palco dalla Napoli Mandolin Orchestra ed interpreterà Caruso, celebre brano del 1986 di Lucio Dalla.. artista di cui sentiamo la mancanza ogni giorno che passa! Tribù Urbana (pubblicato Venerdì 12 Marzo su etichetta Mescal e distribuito da Sony Music) arriva a tre anni di distanza dall’ultimo album Non Abbiamo Armi ed evidenzia l’altissimo livello di scrittura dell’artista, sia quando dà voce ai sentimenti, sia quando racconta il mondo attraverso storie di vita, guardando negli occhi uno ad uno i componenti della Tribù Urbana, attraverso suoni e parole che diventano i colori distintivi di questo nuovo progetto di Ermal Meta.
Questa la tracklist di Tribù Urbana: Uno, Stelle cadenti, Un milione di cose da dirti, Il destino universale, Nina e Sara, No Satisfaction, Non bastano le mani, Un altro sole, Gli invisibili, Vita da fenomeni, Un po’ di pace.