DNA concerti lancia Cosa Diavolo Ci Faccio Qui

Il late night show più inaspettato del web. O Forse solo un esperimento. Il fondatore di una grande agenzia di booking che non è voluto stare con le mani in mano e si è improvvisato conduttore. Una co-conduttrice sottopagata, una resident band, tanta musica, tanti ospiti, tante gag e tante chiacchiere: a un anno dall’inizio della pandemia, DNA concerti è entrata ufficialmente e a modo suo, nel mondo del live streaming  con “Cosa Diavolo Ci Faccio Qui”, che ha debuttato l’altra sera ed è attualmente visibile sul canale YouTube.

Quella proposta è stata la prima puntata di un format in cui diverse figure che lavorano nel settore della musica dal vivo, ma anche della cultura e dello spettacolo hanno parlato con leggerezza e ironia, senza paura di sconfinare nel ridicolo, dei delicati temi sollevati da questo momento storico, con l’obiettivo di condividere esperienze, fare rete e provare a cercare soluzioni alla crisi del settore. Un modo per dare spazio e voce agli artisti emergenti che in questo momento sono tra i più penalizzati, e per riflettere al contempo su pro e contro dello streaming e sulle possibili conseguenze nel lungo termine.

Accanto alla resident band d’eccezione formata da Adriano Viterbini e Marco Fasolo si sono alternati sul palco o in collegamento ospiti come Marco Castello, talentuoso cantautore e polistrumentista siciliano che al termine dello show, insieme alla sua band, ha tenuto il release party del suo disco d’esordio “Contenta Tu”, appena uscito per 42 Records e Bubbles Records, il performer situazionista Auroro Borealo, due nuove voci  del cantautorato italiano come Dieci e Vanbasten, il giornalista e discografico Emiliano Colasanti e  il conduttore radiofonico e televisivo Nicolas Ballario. A presentare lo show Pietro Fuccio, fondatore di Dna concerti e l’attrice Silvia Morigi.