Uncledog – Passion Obsession (Vrec, 2019)

Sberle e carezze: lo zio che piace a tutti!

I padovani Uncledog (più o meno “zio cane”, esclamazione ben diffusa che in Veneto e dintorni), hanno il rock nelle vene, è gente che sul palco non si risparmia e che in studio cerca di scrivere la canzone che sul palco

Sono in giro dal 2008 e dopo alcuni demo, arrivano al debutto con l’ep “Face on the Floor” registrato in California, ma è l’album “Russian Roulette” a renderli una delle realtà locali più interessanti, apprezzati da pubblico e critica.

Oggi tornano a farsi sentire e compiono un ulteriore passo in avanti. “Passion Obsession” è prodotto da Piero Foresti con Andrea “Jim” Ravasio come ingegnere del suono.

Il risultato è un lavoro che trova il giusto equilibrio in quella linea di confine dove il rock moderno flirta con il pop, senza mai perdere la bussola.

Canzoni come “Leaf Lear Clover” dimostrano che gli Uncledog sono maturi e convinti, come l’intero disco d’altronde.

Appassionati!!