La decima edizione di Mezzano Romantica sino al 5 Settembre 2020

Il programma (organizzato dal Comune di Mezzano e affidato alla direzione artistica di Francesco Schweizer) punta su una serie di appuntamenti cameristici, teatrali e corali di grande interesse, confermando così l’offerta culturale estiva che Mezzano di Primiero (Trento) ha sempre proposto negli ultimi anni e che non poteva mancare nemmeno in questa imprevedibile situazione. Infatti l’annullamento del Trentino Music Festival (dovuto alla pandemia virale), ha costretto a rivedere tutta la programmazione di Mezzano Romantica e fissare durante l’estate gli eventi inizialmente previsti in altri periodi dell’anno.
Sottolinea il nostro Giancarlo Passarella (ricordando i suoi studi alla Facoltà di Scienze Forestali) .. Ricordo ai più distratti che Mezzano fa parte de I borghi più belli d’Italia..

Tra i prossimi appuntamenti, segnaliamo:
– Per la musica da camera, Venerdì 31 Luglio il diciannovenne pianista tedesco Jakob Aumiller, talentuoso studente del Conservatorio di Trento, già premiato in numerosi concorsi, presenterà un impegnativo e coinvolgente programma spaziando fra le più significative composizioni di  Beethoven, Chopin, Rachmaninof e Prokovief.
– Un’altra serata teatrale sarà proposta Giovedì 6 Agosto: in scena lo spettacolo dal titolo “Ciò che non può morire mai”, con l’attore Claudio Tomaello e il chitarrista Stefano Bonato. Si tratta di un percorso musicale e narrativo all’interno del mondo delle fiabe, alla scoperta delle loro origini, del loro linguaggio e della loro inestimabile potenza di cambiamento. La narrazione musicale condurrà gli spettatori attraverso fiabe provenienti da diverse tradizioni, rivelando quale sia l’ingrediente segreto dell’Amore. 
Sabato 22 Agosto si avràla straordinaria occasione di ascoltare il Quartetto di Venezia, così definito dalla critica “La perfetta padronanza tecnica e la forza delle interpretazioni, caratterizzate dalla spinta verso un valore assoluto propria dei veri interpreti, pongono il Quartetto di Venezia ai vertici della categoria e fra i pochissimi degni di coprire il ruolo dei grandi Quartetti del passato”. Il Quartetto di Venezia ha suonato in alcuni tra i maggiori Festival Internazionali e in luoghi iconici in Italia e nel mondo, tra cui la National Gallery a Washington, il Palazzo delle Nazioni Unite a New York, la Sala Unesco a Parigi, IUC e Accademia Filarmonica Romana a Roma, le Serate Musicali – Società del Quartetto – Società dei Concerti di Milano. In programma musiche di Mozart, Wolf e Brahms. Lo compongono Andrea Vio e Alberto Battiston al violino, Mario Paladin alla viola, Angelo Zanin al Violoncello.
– L’ultimo appuntamento della stagione si terrà Sabato 5 Settembre: sarà ospite del Festival una formazione cameristica di grande prestigio, l’Hèsperos Piano Trio, formato da Filippo Lama al violino, Stefano Guarino al violoncello e Riccardo Zadra al pianoforte. Il sodalizio tra i tre musicisti, forte di uno spontaneo e naturale affiatamento, è basato sulla condivisione di percorsi di vita musicale molto diversi ma convergenti, che comprendono una ricca rete di esperienze solistiche, cameristiche, orchestrali e didattiche di livello internazionale. In programma musiche di Martucci e Brahms.
Gli spettacoli sono gratuiti e si terranno tutti al Centro Civico di Mezzano alle ore 21.