Piccolo Opera Festival del Friuli Venezia Giulia dal 20 Agosto al 13 Settembre

Un sottotitolo che racconta la mission: la magia della lirica apre le porte di luoghi ricchi di storia all’insegna del numero tredici (quello che scaramanticamente ogni tanto porta fortuna, mentre per altri è messaggero di aspetti negativi) … 13 appuntamenti per la 13° edizione del Festival… con tante visite musicali a giardini storici e recital in villa.
La musica lirica in castelli, antiche dimore, giardini storici, in una sinfonia di suoni e voci che porterà alla scoperta di angoli incantati e segreti, ricchi di storia ed arte, del Friuli Venezia Giulia, dal 20 Agosto al 13 Settembre torna il Piccolo Opera Festival del Friuli Venezia Giulia, atteso cartellone estivo che anche quest’anno non vuol mancare all’appuntamento con il suo pubblico: poiché il calendario è assai ricco, vi consiglio una visita al sito ufficiale, così da organizzarvi la trasferta, abbinando vacanza a cultura, musica e storia.

Spettacoli all’aperto, a cui faranno da corollario visite guidate, aperitivi, introduzioni all’ascolto e cene prima e dopo gli appuntamenti musicali. Per un’esperienza che permetterà di conoscere non solo la storia e le architetture, ma anche sapori e vini di questa straordinaria regione di confine protesa verso la Mitteleuropa. Ricca l’offerta dei concerti denominata La verde musica, vere e proprie visite musicali a giardini storici della regione con un programma tutto barocco in collaborazione con il Polo Nazionale Artistico di Verona. Quattro gli appuntamenti: Castello di Cordovado (24 agosto), Palazzo Lantieri a Gorizia (31 agosto), Castello Formentini a S. Floriano del Collio (3 settembre), Villa Manin di Passariano (week end di metà settembre). Castelli in aria sarà la sezione di recital vocale con nomi di prestigio del panorama lirico quali Massimo Giordano e Giorgio Caoduro, assieme a giovani voci come sempre selezionate e proposte con attenzione dalla direzione artistica del Festival. Sedi saranno Villa Ottelio Savorgnan ad Ariis (il 20 agosto), Villa Gorgo a San Vito al Torre (29 agosto) e Vila Vipolze in Slovenia (11 settembre) e Villa Partistagno a Faedis.

Il Festival si rivolgerà quest’anno in particolare al pubblico locale e nazionale e (nonostante le difficoltà determinate dalle problematiche del post pandemia) non ha voluto far mancare la sua musica, resa possibile dal fondamentale sostegno della Regione Friuli Venezia Giulia, dalla Camera di Commercio della Venezia Giulia e dalla Fondazione Friuli.

Sottolinea il nostro diretur Giancarlo Passarella .. Un territorio unico, così come è semplice l’idea di base: valorizzare le perle architettoniche del territorio, creandogli una cornice sonora, rispettando le norme sanitarie e tenendo conto che la musica ha il potere anche di aumentare le nostre difese immunitarie. L’edizione di quest’anno poi si propone come festival transfrontaliero per scoprire il territorio del Brda/Collio..
Nell’invitarvi a ritornare sul sito ufficiale per scoprire il calendario, ricordiamo che l’anno prossimo il Festival si riproporrà con la 14° edizione nelle sue date abituali, ovvero fra fine Giugno e inizio Luglio.