One Of Us – “E se Dio fosse uno di noi?” canta Joan Osborne…

Joan Osborne porta al successo “One Of Us”, un brano scritto da Eric Bazilian degli Hooters… “E se Dio fosse uno di noi?”

È il gennaio del 1994. Eric Bazilian, già membro degli Hooters, si sta dedicando con profitto alla carriera di autore, produttore e arrangiatore. Dopo aver visto in tv uno special sul making of del Sgt. Pepper’s dei Beatles, la sua fidanzata svedese gli chiede informazioni sulla registrazione su quattro piste. Eric le mostra il suo studio portatile e le dice: “Ecco qua, vuoi fare qualcosa?”.
Lei lo invita a suonare e Bazilian inizia a ripetere un giro di chitarra su cui canta prima la strofa e poi il ritornello.
Nasce una canzone il cui messaggio, secondo le dichiarazioni dello stesso Eric Bazilian, “vuole testimoniare un accadimento straordinario, che ti cambia la vita e la tua visione: tipo incontrare un alieno, oppure provare un’esperienza ai confini con la morte. Ma anche pensare: e se Dio fosse uno di noi?”
La canzone, che s’intitola One Of Us, piace moltissimo alla ragazza di Eric (che poi diventerà sua moglie e la madre dei suoi due figli) ma anche a Joan Osborne, una trentenne songwriter del Kentucky, che ha appena firmato un contratto con la Polygram per un secondo album. La inciderà e sarà un successo mondiale: venderà un milione di copie, avrà quattro nomination ai Grammy e sarà registrato da artisti di tutto il mondo, tra cui il nostro Eugenio Finardi.