Eurovision Song Contest: vincono i Måneskin

I Måneskin vincono l’Eurovision Song Contest e riportano l’Italia sulla vetta d’Europa. Un risultato meritato per la band romana, che ha presentato sul palco della Ahoy Arena di Rotterdam (Olanda) il brano “Zitti e buoni”, con cui hanno vinto la recente edizione del Festival di Sanremo. Dopo anni di trionfi di brani pop, all’Eurovision torna a vincere il rock. La finale di sabato 22 maggio è stata trasmessa in diretta da Rai 1 con il commento di Gabriele Corsi e Cristiano Malgioglio.

Foto di Francis Delacroix

La band italiana, composta da Damiano, Victoria, Thomas e Ethan, ha ottenuto ben 524 voti, di cui 206 dalle giurie tecniche dislocate in ciascuno dei paesi partecipanti al programma e 318 preferenze attraverso il televoto (il regolamento come noto non prevede la possibilità di essere votati dal proprio paese). Al secondo posto si è classificata Barbara Pravì (Francia) con “Voilà”, mentre al terzo posto si è piazzato Gjon’s Tears (Svizzera) con “Tout l’Univers”.  Per effetto di questa vittoria la Rai organizzerà in Italia l’edizione 2022 dell’Eurovision Song Contest, manifestazione che manca dal 1991. Fino a oggi gli unici italiani ad aver vinto la kermesse europea sono stati Gigliola Cinquetti (nel 1964 a Copenaghen) e Toto Cutugno (nel 1990 a Zagabria).

I Måneskin hanno eseguito “Zitti e Buoni”, brano vincitore del Festival di Sanremo e con la quale hanno voluto trasmettere agli spettatori quell’energia, palpabile anche attraverso lo schermo per coloro che erano a casa, con una performance che trasudava la voglia di lasciare il segno con il loro forte messaggio di libertà. Il brano è stato presentato in una versione leggermente rivista per via dei regolamenti della manifestazione. Anche se subito dopo la proclamazione i Maneskin hanno eseguito il brano nella versione originale (ovvero con le parole “coglioni” e “cazzo”). La direzione creativa dello staging dei Måneskin è stata dello studio milanese Giò Forma di Claudio Santucci, Cristiana Picco e Florian Boje, tra i più importanti esponenti del design di set e produzioni concertistiche e di eventi a livello internazionale. Insieme ai Måneskin, hanno immaginato una messa in scena in cui l’energia della band fosse al centro di tutto, con un gioco di luci, video e movimenti ad esaltare le peculiarità dei quattro componenti per esplodere poi sul finale con giochi pirotecnici ad amplificare la carica rock della performance. Il look dei Måneskin è stato invece firmato Etro con outfit custom made studiati ad hoc per l’esibizione ad Eurovision, nati da un ormai consolidato dialogo e confronto tra la band con Veronica e Kean Etro.

La band italiana nei giorni scorsi era stata tra le più gettonate tra i bookmakers. Inoltre “Zitti e buoni” è risultata la canzone più ascoltata su Spotify in Italia e a livello globale tra le canzoni in gara tra marzo 2021 e maggio 2021. Il brano ha avuto successo anche oltre confine ed è stato il più ascoltato dagli utenti Spotify in diversi paesi del mondo, tra cui Emirati Arabi Uniti, Austria e Ungheria. Inoltre la band romana ha vinto anche il premio per il miglior testo, per “Zitti e Buoni“, assegnato dalla testata olandese Eurostory (riconoscimento ottenuto a suo tempo anche da Mahmood).