Ginevra Di Marco e Piji cantano Tenco e Gaber al Tor Bella Monaca Music Fest l’11 e il 12 settembre

Doppio appuntamento con la musica d’autore al Tor Bella Monaca Music Fest di Roma: sabato 11 settembre Ginevra Di Marco, Francesco Magnelli e Andrea Salvadori in “Quello che conta” dedicato a Luigi Tenco, domenica 12 settembre Piji e Simone Colombari in “Gaber/diviso 2” dedicato al teatro canzone di Giorgio Gaber e Sandro Luporini.

Ginevra Di Marco, Francesco Magnelli, Andrea Salvadori (foto Guido Mencari)

Ginevra Di Marco è una delle più raffinate interpreti del panorama italiano, il suo percorso di ricerca musicale si esprime appieno nell’album Quello che conta, tributo alle parole e alla musica di Luigi Tenco, uscito nei mesi scorsi. Il Teatro Tor Bella Monaca ospita con grande piacere una delle tappe del tour dal vivo dell’eclettica cantante fiorentina, realizzato con la complicità degli inseparabili compagni d’avventura Francesco Magnelli e Andrea Salvadori. Il concerto e l’album sono una tappa del percorso di esplorazione musicale intrapreso dai primi anni 2000 che hanno portato Ginevra ad incontrare autori del calibro di Domenico Modugno, Violeta Parra, Mercedes Sosa insieme a personaggi della cultura internazionale come Margherita Hack, Luis Sepúlveda e Carmen Yanez.

“Luigi Tenco è dentro di noi, da sempre- spiega Ginevra Di Marco -Inserito e cantato anche nei dischi degli ultimi anni, è stato un grande punto di riferimento. Sempre lontano dalle mode e dai linguaggi scontati, abitava un mondo dove sperimentava soluzioni inedite e personali mescolando stili e suggestioni con il piglio e la sensibilità di uno che sta guardando oltre. Scriveva quello che sentiva, autentico nei turbamenti d’amore e nelle canzoni/manifesto di contestazione. Disertore, più che combattente, ma senza paura. Tenco fa parte di quel bagaglio di conoscenze e di emozioni con cui siamo cresciuti da piccoli, che abbiamo rifiutato in adolescenza e che abbiamo ritrovato ancora, da grandi, quando volgi lo sguardo indietro a cercare di capire di cosa sei fatto.”

Ginevra Di Marco (foto Guido Mencari)

In Quello che conta Ginevra Di Marco fa sue le canzoni di Tenco adattate con una nuova veste musicale ma nel rispetto dello spirito originale. Un lavoro delicato e complesso che solo un’artista del suo calibro può permettersi senza timore. Ginevra Di Marco non vuole “ricantare” Luigi Tenco, ma ne rilegge la musica con gli occhi dell’oggi e della sua storia artistica. L’esperienza di Ginevra Di Marco spazia dalle sonorità trasversali e ricercate dei CSI, di cui era una della anime e con cui ha condiviso dieci anni di storia artistica, alla world music, fino alla rilettura di alcuni dei nomi del cantautorato italiano. Costantemente spinta dall’istinto e dalla voglia di esplorare si misura e si confronta con artisti del panorama nazionale e internazionale in un continuo scambio musicale e umano.

Francesco Magnelli, pianista, compositore e arrangiatore, fa parte della storia artistica di gruppi come Litfiba, CCCP e CSI per i quali ha composto e arrangiato molte canzoni. Finito il percorso con il Consorzio Suonatori Indipendenti, ha ideato Stazioni Lunari, spettacolo musicale itinerante al quale prendono parte ogni volta autori e musicisti sempre diversi, che interagiscono tra di loro in una fusione musicale che travalica stili e generi. È produttore artistico dei dischi di Ginevra Di Marco per la quale ha curato sempre gli arrangiamenti e il profilo artistico, in una comunione di pensiero e di progettualità che li vede insieme dal 1993.

Andrea Salvadori, è un musicista trasversale, eclettico e di rara sensibilità, capace di spaziare dai palcoscenici dei concerti a quelli teatrali. Tra le sue collaborazioni infatti si trova quella con la Compagnia della Fortezza di Volterra, diretta da Armando Punzo, la più prestigiosa e longeva esperienza di teatro-carcere in Italia, di cui Salvadori è drammaturgo musicale. Nel 2018 ha vinto il Premio Ubu per il miglior progetto musicale con Beatitudo.

Teatro Tor Bella Monaca Music fest (Arena estate)

Sabato 11 settembre 2021, ore 21

“Quello che conta”

Ginevra canta Luigi Tenco

con GINEVRA DI MARCO, Francesco Magnelli e Andrea Salvadori

Funambulo | Luce Appare

Piji (foto Roberta Sulpizio)

Musica d’autore al Tor Bella Monaca Music fest con Piji, cantautore romano, e Simone Colombari, attore che si divide tra teatro, cinema, tv e radio. Il duo  propone uno spettacolo interamente dedicato all’indimenticata figura di Giorgio Gaber ed, in particolare, alla sua trentennale collaborazione con Sandro Luporini per ciò che riguarda la formula del Teatro-Canzone, genere da loro stessi inventato e che consiste nella costruzione di spettacoli teatrali secondo l’alternarsi di canzoni e monologhi in cui temi come la politica,  l’amore, il senso sociale, la coscienza individuale, sono espressi con passione e rigore, critica, poesia e ironia, da un unico interprete, il grande Gaber, appunto.

Gaber è stato il mio primissimo e più luminoso faro da sempre. – spiega Piji – Una vera Stella polare. Il motivo di tutto. Di tutto quello che sto facendo nella vita, tra teatro e canzoni, soprattutto. Ho imparato a suonare la chitarra studiando i suoi spartiti e quel Capodanno del 2003, quando perdemmo per sempre il Signor G, mi ricordo che sentii il bisogno di allontanarmi dagli amici con cui ero in un Casale in campagna e, nonostante il freddo, mettermi fuori da solo a suonare tutte le sue canzoni. Qualche giorno dopo presi un treno Roma/Milano per andare ai funerali all’Abbazia di Chiaravalle, ma quella notte fu in qualche modo l’inizio di questo spettacolo, l’inizio del mio bisogno di ricordare sempre e il più possibile l’immensa arte di Gaber. Simone Colombari è uno degli attori che stimo di più e come pochi altri sa riprodurre quella cifra senza imitarla mai, ma trovando quell’equilibrio impossibile tra la leggerezza dell’ironia, la profondità del concetto esposto e la forza dell’invettiva. E allora, come da titolo, io e Simone ci siamo divisi i compiti e abbiamo diviso in due la figura di Gaber”.

 “GABER/DIVISO2” è un continuo dialogo tra due “voci” di una stessa personalità, in uno sdoppiamento interpretativo tra canzoni (Piji) e monologhi (Colombari), scelti all’interno della migliore produzione di Gaber e Luporini. Le parti cantate e recitate si intrecciano continuamente scomponendo e ricostruendo, da un duplice punto di vista, il pensiero e la musica del Signor G.

Simone Colombari

Mi capita spesso di dire che ho avuto la fortuna di conoscere personalmente Giorgio Gaber – aggiunge Simone ColombariAccade nel 1987 al Festival di Volterra, diretto allora dal mio maestro Vittorio Gassman. Io ero in scena con un mio monologo tratto da Tommaso Landolfi, Gaber con il suo spettacolo. In quella settimana ebbi così la fortuna di frequentarlo e poter così apprezzare le sue qualità non solo artistiche, che del resto già conoscevo, ma anche umane, personali e quelle chiacchierate fatte fino a tarda sera a parlare di teatro e di recitazione, insieme anche al grande Sandro Luporini, furono per me importantissime. Il suo teatro canzone era un insieme di canzoni e monologhi, da lì l’idea avuta insieme all’amico Piji, cantautore che stimo tantissimo, di questo ”Gaber diviso due” dove, dividendoci i compiti, omaggiamo il grande Gaber2.”

Domenica 12 settembre 2021, ore 21

“GABER/DIVISO2”

Omaggio al teatro canzone di Gaber e Luporini

Piji canzoni
Simone Colombari monologhi

Ass. Cult. InArte

Teatro Tor Bella Monaca

Via Bruno Cirino angolo Via Duilio Cambellotti (Roma)

Prenotazioni: tel 06 2010579 

Botteghino: feriali ore 18-21.30, festivi ore 15-18.30 Ufficio promozione: ore 10-13.30 e 14.30-19 promozione@teatrotorbellamonaca.it www.teatrotorbellamonaca.itwww.teatriincomune.roma.it