Addio a Paddy Moloney, leader e fondatore dei Chieftains

Il musicista Paddy Moloney, fondatore e frontman della leggendaria band irlandese The Chieftains, è morto all’età di 83 anni. A renderlo noto con un Tweet è stato l’Irish Traditional Music Archive. Paddy Moloney (1938-2021) suonatore di tin whistle, compositore, arrangiatore e leader dei The Chieftains, Paddy ha dato un enorme contributo alla musica, al canto e alla danza tradizionali irlandesi.

«Ha dato un enorme contributo alla musica, al canto e alla danza tradizionali irlandesi… Poche persone possono affermare di avere il livello di impatto che ha avuto su Paddy Moloney musica tradizionale di tutto il mondo. Che meravigliosa eredità musicale ci ha lasciato “, si legge nel tweet dell’istituzione culturale irlandese. Moloney è nato a Dublino, città in cui è anche morto, il 1 agosto 1938 e ha iniziato a suonare musica all’età di sei anni. Lo ha fatto grazie a un fischietto di plastica che gli aveva comprato sua madre. “Sapevo che non avevamo molti soldi in quel momento e ogni scellino sembrava una fortuna, ma lei me l’ha comunque procurato. Sono cresciuto in una famiglia di musicisti in una piccola capanna che sembrava un palazzo, perché ogni sera raccontavamo storie e suonavamo musica. La musica poi è diventata per me la cosa più importante, ancor più del mangiare”, ha raccontato nel 2020. Virtuoso degli strumenti a fiato, nel 1962 Moloney ha fondato con Sean Potts e Michael Tubrady i The Chieftains, band con cui ha vinto sei Grammy Awards. Dopo aver firmato con la Island Records, il gruppo ha contribuito a promuovere la musica tradizionale irlandese in tutto il mondo, collaborando infine con personaggi come Mick Jagger e Luciano Pavarotti. Per sei decenni, Moloney è rimasto l’unico membro originale dei The Chieftains, ad apparire nelle colonne sonore dei film come “Barry Lyndon” di Stanley Kubrick e “Gangs of New York” di Martin Scorsese.