Dal 26 al 30 Agosto la quinta edizione di Narrastorie, festival del racconto di strada

Si svolge ad Arcidosso, l’ombelico magico del Monte Amiata: siamo in provincia di Grosseto e la direzione artistica è curata da Simone Cristicchi, da qualche anno artista autoctono. Il titolo di questa edizione 2020 è Il primo giorno del nuovo mondo, slancio alla ricerca di una bellezza e serenità quanto mai attuale in questi mesi di pandemia. Sono previsti concerti, spettacoli teatrali, incontri e letture, come sempre rivolti ad adulti e bambini per riflettere e giocare insieme.
Il primo giorno del mondo nuovo è anche il testo poetico che Cristicchi ha messo a disposizione di un particolare contest, attualmente in corso: sono stati invitati giovani musicisti ad inviare la loro musica per accompagnare le parole…Il primo giorno/ del nuovo mondo/ ci svegliammo/ a un accenno dell’alba/ salutando con gli occhi/ il ritorno del sole./ Nell’aria un profumo/di pane sfornato/ e un’improvvisa voglia/ di capriole./ “Io sono qui” – disse il mondo/ a raggi unificati/ “E voi dove siete stati?”/ Noi nella tana in letargo/ a dormire./ Noi coi gerani ad ornare/i balconi/ noi rinchiusi nei giorni/lunghi secoli/ con l’unico scopo/ di restare vivi./Il primo giorno/ del nuovo mondo/ come soldati tornati dal fronte/ ammutoliti dallo stupore/ scendemmo tutti in strada,/ nel silenzio interrotto soltanto/ dai nostri “buongiorno”,/ e da qualche risata./

Narrastorie è ideato da Simone Cristicchi, realizzato dal Comune di Arcidosso e dal Centro Commerciale Naturale di Arcidosso con l’organizzazione generale di Cristina Piedimonte, la più valente collaboratrice di Cristicchi degli ultimi anni.
Il primo giorno del nuovo mondo è più di un tema. E’ un’aspirazione, un mantra da cui ripartire per aprire gli occhi sulla bellezza che ci circonda e sulla condivisione che ci arricchisce.  La sera arriveranno in Piazza Cavallotti nomi importanti della cultura italiana (dallo stesso Simone Cristicchi ad Eugenio Finardi, Andrea Rivera e il sacerdote Don Luigi Verdi): nei pomeriggi sono previsti i laboratori di narrazione e artistici per adulti e bambini. Questi laboratori sono gratuiti ed hanno accettato prenotazione, sino ad aver esaurito tutti i posti disponibili. Molto interessante segnalare che si lavorerà su My Amy, un racconto di Francesco Niccolini dedicato a Amy Winehouse.

Mercoledì 26 Agosto il laboratorio di narrazione condotto da Francesco Niccolini e Roberto Aldorasi dedicato a Amy Winehouse. Tre giorni per apprendere alcune tecniche di narrazione con l’aiuto dei due drammaturghi; sabato pomeriggio, in Piazza Cavallotti, si terrà la rappresentazione con lo spettacolo dei partecipanti al laboratorio stesso (ore 17, ingresso libero). Sempre nel pomeriggio, doppio appuntamento dedicato ai bambini: il laboratorio artistico Come in una bolla. Coloriamo il mondo con le bolle di sapone’ (dai 4 anni), a cura di Il Soffiasogni e ChissàDove (alle ore 16). Alle 17,30, ‘A ruota LibBera’, lo spettacolo con burattini di Ariele Vincenti, accompagnato da David Voci Sciabordi al piano. 
Appuntamento alle 21,30 con lo spettacolo The Best(ia) of Rivera. Andrea Rivera raccoglie vent’anni della sua personale attività artistica come una summa del suo esilarante percorso dedicato al teatro-canzone. Monologhi, canzoni, video e originali dialoghi con il pubblico o con i suoi compagni di scena, per non rinunciare ad un sano divertimento, in cui ritrovare i celebri giochi di parole dell’attore, che rappresentano un nuovo modo di comunicare dell’uomo nelle sue continue alienazioni.

Giovedì 27 Agosto, nuovo appuntamento con il Laboratorio artistico ad opera di Soffiasogni e ChissàDove dedicato a Frida Kalho (dai 6 anni) dal titolo ‘Guardarsi dentro. Frida allo specchio’. 
Sul palco di Piazza Cavallotti arriva in serata Eugenio Finardi: il grande cantautore rock incontrerà Simone Cristicchi in un’intervista esclusiva, raccontandosi al pubblico attraverso i brani storici del suo repertorio insieme ai successi più recenti.

– La giornata di Venerdì 28 sarà interamente dedicata ai laboratori artistici. Alle 16, ‘Gli infiniti spazi dell’immaginazione’: lettura e laboratorio artistico su Paul Klee (dai 4 anni), a cura di Il Soffiasogni e ChissàDove. Alle 17,30 appuntamento al Parco del Pero con lo spettacolo per bambini e famiglie di e con Elisabetta Salvatori ‘In viaggio. Storie in valigia’, una valigia di storie raccolte in giro per il mondo (dai 6 anni). Alle ore 21 partirà dalla Chiesa della Madonna Incoronata, la tradizionale processione della Madonna dell’Incoronata che attraverserà le strade e le piazze di Arcidosso con il dipinto della Madonna Incoronata; al termine del percorso si farà poi ritorno alla Chiesa.
Sabato 29 Agosto, si comincia alle ore 11 con ‘Trasformanatura’, igiochi a squadre per famiglie sulla natura organizzati da Il Soffiasogni e ChissàDove. Alle 14,30, appuntamento in Corso Toscana con la Marcia del Capercio. Alle 18,30 il concerto del trio ‘Voci del NuevoMundo’, con David Voci Sciabordi al pianoforte, Felix L. Unseld alla batteria e Gianluca Sali al contrabbasso. La serata finale del Festival prevede un doppio appuntamento: Giovanni Piccolo in ‘La Soffitta dei sogni’, uno spettacolo che unisce teatro, magia, marionette e pupazzi animati (ore 21 in Piazza del Pero). Alle 22 in Piazza Cavallotti Don Luigi Verdi (responsabile della Fraternità di Romena) e Simone Cristicchi in ‘Ricominciare adesso’, un dialogo tra musica e poesia, alla ricerca di un senso che ci ha cambiati profondamente. L’esperienza del lockdown ha generato riflessioni profonde in ognuno di noi, lasciando nuove consapevolezze, un segno indelebile e tanti interrogativi.

Domenica 30 Agosto appuntamento alle ore 16 al Parco del Pero per una nuova rappresentazione dello spettacolo di Giovanni Piccolo, ‘La soffitta dei sogni’.