Un potente grido liberatorio per Paolo Belli

Pubblicata la nuova canzone Siamo la fine del mondo, in attesa di un vero album di inediti, a cui Paolo Belli si dedicherà nelle prossime settimane. Sostiene il nostro diretur Giancarlo Passarella (qui in foto proprio con lui.. Il suo contributo un anno fa per superare la prima ondata della pandemia è stato lo show Belli in casa: dal suo salotto si collegava con vari amici artisti, costruendo così una bella trasmissione solidale. Poi ha pubblicato il singolo con i Nomadi e quello con Franco Simone, a cui ha fatto seguito quello rock con Matthew Lee. Parafrasando un brano dei suoi esordi, sotto questo sole Paolo Belli non si annoia proprio!


Siamo la fine del mondo (pubblicato da CinicoDisincanto/PB Produzioni, distr. Artist First) è il suo nuovo inedito: è un potente grido liberatorio, che arriva dopo un periodo difficilissimo per tutti, scritto in collaborazione con Valerio Carboni (già compositore di brani per diversi artisti tra cui Morandi, Masini, Stadio, Nek, Amoroso) e i Nèra, promettente e giovane band toscana. Ha dichiarato .. Mi piacerebbe che questa canzone potesse diventare un grido di gioia forte e “contagioso”, perché veniamo da un periodo lunghissimo che nessuno di noi avrebbe mai immaginato di vivere, che ha cambiato forse per sempre le nostre vite, ma oggi l’unico desiderio è quello di guardare al futuro con grande ottimismo, grazie anche alla gioia che solo la musica, con la sua energia, sa regalare..
La nuova canzone è un funky pop moderno, suonato dalla Big Band di Paolo Belli, e caratterizzato da un sound che promette di farci cantare e ballare per tutta l’estate, anche negli eventi live che presto vedranno Paolo di nuovo, finalmente, su un palco. Siamo la fine del mondo è il primo tassello di un nuovo progetto artistico che porterà Paolo in studio di registrazione nei prossimi mesi per realizzare il nuovo album.