Camera Obscura Two: Musica Estrema

I Camera Obscura Two sono una creatura musicale messa su dall’ex mainman degli Schizo Alberto Penzin. Il tempo di mettere su una formazione veramente micidiale ecco il contratto con la indie polacca SelfMadeGod Records. Il primo passo di questa nuova band è l’album “D.Ö.D.” che abbiamo recensito qualche tempo fa. Vediamo cosa ci dice Alberto sul suo nuovo gruppo e sulle sue prospettive.

Allora quando nasce il pargolo CO2? “Nel 2007, subito dopo la mia fuoriuscita dagli Schizo. Ma il progetto ha preso realmente corpo nel 2010-2011, dopo l’aggiunta alla lineup di Andrea ed il successivo reclutamento di Giulio dei Cripple Bastards alla voce.”

Una domanda banale: perché un nome così originale? “Come sai CO2 sta per Camera Obscura Two. Volevo trovare qualcosa che potesse anche rimandare in qualche modo all’utilizzo dei due bassi. E poi l’acronimo è facile da ricordare, oltre ad avere anche altri significati chimici of course (anidride carbonica, biossido di carbonio).”

La band è composta da membri tosti… ce li vuoi presentare? “Siamo io al basso, Andrea Ragusa al basso idem, Marco Cinghio Mastrobuono alla chitarra, Giuseppe Peppe Orlando alla batteria. A breve si aggiungerà un nuovo vocalist che andrà a sostituire il buon Giulio.”

Come siete entrati in contatto con la SelfMadeGod Records? “Era un’etichetta che seguivo da un po’. Poi un paio di anni fa all’Obscene Extreme in Repubblica Ceca notai che avevano uno stand e allora in compagnia di Pranda della FOAD Records decisi di auto-presentarmi al boss Karol lasciando un paio di pezzi promo su una chiavetta USB. L’accordo per il disco è arrivato poco dopo.”

Mi vuoi illustrare il lavoro di produzione per “D.Ö.D.”? “Abbiamo utilizzato un metodo poco ortodosso, cioè mantenendo tutte le parti vocali di GTB (Giulio), abbiamo ricostruito, riarrangiato e riregistrato tutti i brani già realizzati con lui sui vari demo precedenti. Sapevamo già del suo imminente addio ergo abbiamo voluto realizzare una sorta di tributo al periodo trascorso insieme. Non è venuto male, devo dirti.”

Che tipo di sound volevate ottenere registrando i brani? “Grezzo ma curato nel contempo. Abbiamo svariate influenze musicali che confluiscono nei nostri brani, ma il comune denominatore è l’utilizzo del pedale Boss HM-2, un classico del cosiddetto “Swedish death metal”. Quello sarà una costante anche per le future releases. Ci piace, decisamente.”

Il sound è decisamente originale e personale… non c’è che dire. “Grazie. Come dicevo prima influenze diverse non ci inquadrano magari in un unico genere facilmente individuabile. Nulla di nuovo sotto al sole ma un approccio non canonico, quello si in effetti.”

Come siete riusciti a miscelare in un blend personale vari stilemi musicali? “Non è difficile. Parliamo sempre di tutta roba estrema. In fondo anche Peppe è un batterista alla Dave Lombardo, pur avendo suonato per decenni musica più raffinata, passami il termine.”

Quali caratteristiche deve avere un brano per essere un brano “made in CO2”? “Deve piacerci.”

Siete interessati a inviare messaggi politici con la vostra musica? “Direi di no. Sono altri i temi che trattiamo nelle nostre lyrics.”

Dal punto di vista testuale di cosa parlano i vostri brani? “Non è semplice per me riassumere in poche parole. Come diceva il buon Jeff Hanneman “I just write the shit, it’s up to you figure it out”. E ce ne usciamo facili.”

I CO2 e il futuro? Nuovo album? Concerti (ma con il Covid-19)… “Vorremmo realizzare entro qualche mese un nuovo EP, magari uno split anche stavolta, con un nuovo brano (già pronto, solo da registrare) per introdurre in primis il nuovo vocalist. Il secondo album (T.O.D.) è già stato delineato, track listing e artwork in lavorazione compresi. Concerti, me lo auguro. Vedremo, a riguardo. Incrociamo le dita.”

Pagina ufficiale su Facebook https://facebook.com/cameraobscuratwo
Sito ufficiale della Selfmadegod Records https://selfmadegod.com/